Cerca

Tra Lazio e Calabria

Mafia Capitale, due nuovi arresti. Ecco che legami c'erano tra Roma e 'ndrangheta

Mafia Capitale, due nuovi arresti. Ecco che legami c'erano tra Roma e 'ndrangheta

Nuovi arresti nell'ambito dell'inchiesta Mafia Capitale: sono infatti finiti in manette Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero, per associazione di tipo mafioso. I carabinieri dei Ros sono intervenuti su richiesta della procura distrettuale antimafia e disposizione del gip di Roma, e i provvedimenti sono stati eseguiti nelle province di Roma, Latina e Vibo Valentia.

Cosa accadeva - E' indagato, inoltre, l'imprenditore Giovanni Campennì, che avrebbe assicurato, assieme alle due persone arrestate, il collegamento tra alcune cooperative gestite da Salvatore Buzzi (e controllate da Massimo Carminati), e la cosca Mancuso di Limbadi, di matrice 'ndranghetista. Da una parte, così, le cooperative della Cupola romana avevano protezione in Calabria, dall'altra parte il clan Mancuso, tramite Campennì, otteneva appalti a Roma.

Le indagini - E' emerso che, dal luglio 2014, Buzzi avesse affidato a Campennì la gestione dell'appalto per la pulizia del mercato Esquilino, attraverso la creazione di una Onlus denominata Cooperativa Santo Stefano: inoltre è stato documentato che, nel 2009, Rotolo e Ruggiero si recarono in Calabria su richiesta di Buzzi, per accreditarsi con la cosca Mancuso al fine di ricollocare gli immigrati in esubero a Crotone. Intanto stamattina, su Twitter, il premier Matteo Renzi ha promesso nuove misure contro la corruzione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maurobell

    11 Dicembre 2014 - 11:11

    a Roma ,invece di 250 migranti,ne arrivarono 2.500.Diranno che l'hanno fatto per accontentare il Papa.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    11 Dicembre 2014 - 11:11

    Matteo, che nn sapeva, manda Orfini, che nn sapeva, a santificare Ignazio, che nn sapeva, ma prendeva i finanziamenti e dava gli appalti. Se Ignazio fosse davvero l'eroe che ora l'epica del PD, x forza di causa maggiore descrive, si sarebbe già dimesso. Prendere soldi da un delinquente, sia pure in buona fede e dargli appalti, è causa sufficiente x un onesto x togliersi di torno. Ma è onesto?

    Report

    Rispondi

    • AG485151

      11 Dicembre 2014 - 21:09

      E' un furbo di tre cotte .

      Report

      Rispondi

blog