Cerca

Si cerca la quadra

Legge di stabilità, tutte le novità della manovra

Legge di stabilità, tutte le novità della manovra

Nella legge di Stabilità, nonostante gli annunci del premier Matteo Renzi, non ci sarà la "Local tax" che dovrà sostituire Imu e Tasi. Se ne riparlerà a gennaio con un decreto apposito. Non ci saranno neppure le modifiche alle pensioni, né il canone della Rai in bolletta. Ci saranno però delle novità nel passaggio al Senato e, come anticipa il Messaggero, riguarderanno la tassazione sui fondi pensione e quella sulle partita Iva, la decontribuzione per i neo assunti e il settore giochi.

Tasse - Entrando nel dettaglio. La tassazione sui conferimenti ai fondi pensione, portata dal governo dall' 11,5% al 20%, sarà fatta scendere al 17% con l'intenzione, espressa ieri dal relatore del Pd alla manovra, Giorgio Santini, di portarlo fino al 15%. Ma non è semplice. Ogni punto in meno di tassazione costa alle casse dello Stato 38 milioni di euro. Per quanto riguarda le partite Iva, il reddito massimo al quale sarà applicata l'imposta fissa del 15% salirebbe fino a 20-25 mila euro. La decontribuzione di tre anni per i neo assunti, che oggi è riservata soltanto ai contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti legati al jobs act, potrebbe essere allargata anche ad alcuni lavori stagionali, come quelli agricoli. La gara per il gioco del Lotto, prevista per il 2016, sarà invce anticipata al 2015, mentre il "pay out", ossia le somme restituite ai giocatori dalle slot machine, saranno riportate al 74% dal 70%. I 300 milioni che verranno a mancare saranno recuperati con una modifica sugli aggi dei concessionari.

Partecipate - Poi ci sono gli emendamenti che il governo potrebbe accogliere. Come quella di Linda Lanzillotta di Scelta Civica che prevede un vincolo al versamento di 110 milioni di euro del contributo annuo statale al Campidoglio quale concorso agli oneri che il Comune sostiene per il ruolo di Capitale. Il vincolo, spiega Andrea Bassi, prevede la cessione delle partecipazioni di secondo livello di Ama e Atac (da Roma Multiservizi a Trambus Open), oltre che alla vendita di società come Servizi Azionista Roma, Roma Patrimonio, Alta Roma. Tutte società che dovrebbero essere cedute da un commissario entro la fine del prossimo anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    11 Dicembre 2014 - 15:03

    E' un "dejà vu" il solito giochetto, un classico degli incapaci cronici. Chi soffre di annuncite innanzitutto è affetto da malattia cronica incurabile in seconda battuta si comporta così perchè non ha le basi intellettive per fare altro. In sostanza di economia NON CAPISCE NIENTE.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    11 Dicembre 2014 - 15:03

    stì MISERABILI hanno FATTO FUMO con la Spending Review prendendo per il culo i cittadini con Cervello di Serie B che ci sono Cascati. Ora non ne parlano più. UN SOLO ESEMPIO DELLE TRUFFE : Cottarelli, solo di ENTI INUTILI ne aveva Censiti più di 1.300, MILLE E PASSA che Non hanno Dipendenti, Non Offrono Servizi, Ma hanno Lo STAFF DIRIGENTE POLITICO (pagato) AL COMPLETO. Bell'es. di Merda, no ?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    11 Dicembre 2014 - 13:01

    bruno osti, te lo devo dire io quali promesse nn ha mantenuto? Tu dove vivi? Il PIl continua a calare, la produzione industriale continua a calare, il debuito pubblico continua a crescere, la disoccupazione è fuori controllo, i poveri aumentano, basta? No? Allora prova a andare a vivere in Finlandia o Danimarca e ti accorgerai che la pressione è alta, ma i servizi sono di prima qualità. Sveglia!

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      11 Dicembre 2014 - 17:05

      e tu, visto che sei molto più bravo di me, prova a dire quale provvedimento/i avresti pensato e, soprattutto, in quanto tempo saresti riuscito a farlo passare al vaglio delle varie Commissioni, della Corte dei Conti, della Ragioneria Statale e poi a farlo approvare dal Parlamento, pubblicarlo in Gazzetta Ufficiale, così da renderlo operativo. E risolvere i problemi che elenchi, in meno di 12 mesi

      Report

      Rispondi

    • encol

      11 Dicembre 2014 - 16:04

      arwen hai ragione le cose stanno proprio così ma metterlo in testa a certa gente è impresa ardua.

      Report

      Rispondi

    • ramadan

      11 Dicembre 2014 - 16:04

      per ARWEN delle 13.01 hai dimenticato la corruzione ;pure quella è cresciuta ma non certo per colpa di renzi, e sicuramente in finlandia e danimarca, se c'è, non è alta come da noi. aggiungo poi che in finlandia e danimarca la religione è finanziata dai credenti non dallo stato che potrebbe recuperare attorno ai 1o miliardi l'anno tassando le rendite vaticane e abolendo l'8x1000

      Report

      Rispondi

  • numetutelare

    11 Dicembre 2014 - 13:01

    Ma che meraviglia, tutti fanno a scaricabarile, la Lanzillotta attaccata alla poltrona venderebbe l'anima per favorire il PD che le tiene la sedia disponibile... vedrete che appena si saprà che si va a votare, tutti quelli che temono di essere impallinati entreranno nel PD... abbiamo già molti esempi, altro che Scilipoti !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog