Cerca

La deputata Pd

Micaela Campana si difende: "Io, accusata ingiustamente: con Mafia Capitale non c'entro nulla"

Micaela Campana si difende: "Io, accusata ingiustamente: con Mafia Capitale non c'entro nulla"

"Sui social network qualcuno ha scritto che merito di essere stuprata: sto querelando chiunque, anche perché è l'unico modo che ho per difendere me, la mia famiglia e chi crede nell'onestà della politica": sono le dure parole, rilasciate al Corriere, di Micaela Campana, 37enne deputata del Pd e responsabile welfare del partito. La Campana è stata coinvolta nel caso Mafia Capitale da un'intercettazione telefonica: un sms in cui la bella parlamentare salutava Buzzi chiamandolo "grande capo". "Chiamo un sacco di gente così da quando ero ragazzina: ci sono decine di persone che possono testimoniarlo".

L'intercettazione - Si parla di un'interrogazione parlamentare che Buzzi le avrebbe chiesto di presentare, sulla base di un articolo del Tempo: un collaboratore gli avrebbe risposto che l'interrogazione sarebbe stata presentata, ma poi rigettata. Qual è la verità? "Non ho mai presentato quell'interrogazione - risponde Micaela Campana - e ho chiesto agli uffici della Camera di metterlo nero su bianco. Qualora l'avessi fatto non sarebbe stata rigettata, visto che altri (due del Movimento Cinque Stelle, Ruocco e Fantinati) l'hanno presentata negli stessi tempi e sulla base dello stesso articolo di giornale. L'interrogazione non mi convinceva anche perché il Tar si era già espresso contro l'appalto in questione".

La campagna elettorale - In un altro dialogo, Buzzi parla di 20 mila euro da dare in vista di una campagna elettorale, e dice la frase: "E mo', se me compro la Campana...": "Sarebbe bastato leggere la data - risponde la Campana - per capire che Buzzi non poteva riferirsi alla mia campagna elettorale. Ero già stata eletta da tempo. E poi c'è quel 'se' che si riferisce ad una millanteria, tra due persone che si parlano". "Ho fiducia nella magistratura - aggiunge la 37enne - perché ho visto tante persone che, lavorando con la 29 giugno, hanno avuto dalla vita una seconda possibilità. Ora mi chiedo che fine farà tutta questa gente: per me, essere di sinistra significa credere fortemente nella riabilitazione delle persone, e credo nel mondo della cooperazione e del terzo settore, cose che hanno nulla a che vedere col mondo dei Carminati". 

La vita privata - Micaela è stata sposata con l'ex assessore Daniele Ozzimo, ora indagato: "Attualmente siamo separati, ma sono convinta che riuscirà a dimostrare la propria totale estraneità ai fatti", afferma la Campana, che aggiunge: "Sento la fiducia delle tantissime persone con cui negli anni ho avuto a che fare. La mia vita privata è un'altra cosa: e quella, alla serenità di prima, non credo che tornerà".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    15 Dicembre 2014 - 19:07

    "Io, accusata ingiustamente: con Mafia Capitale non c'entro nulla". Come no? Che fa, signora, ci cade dal pero anche lei come Poletti, che va a cena con Luciano Casamonica e poi fa il meravigliato? O come Renzi, che il è segretario del partito e nn sa che a Roma si mangia? Cosa credevano che i soldi dei finanziamenti venissero elargiti x pura filantropia? Ma ci hanno preso tutti x fessi?

    Report

    Rispondi

  • 15 Dicembre 2014 - 18:06

    Il marito assessore lei deputata:ma quanti soldi ci sfilano?? Ma quando lavoreranno ?!?!

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    15 Dicembre 2014 - 17:05

    Appena sentono tintinnare le manette si mettono a querelare tutti. Brutto segno e pessima difesa. Ma sono tutti uguali questi politicanti ?

    Report

    Rispondi

  • er sola

    15 Dicembre 2014 - 14:02

    Questa non mi piace.

    Report

    Rispondi

blog