Cerca

L'intesa

Patto del Nazareno, accordo tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi: Italicum in vigore dall'1 settembre 2016

Patto del Nazareno, accordo tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi: Italicum in vigore dall'1 settembre 2016

C'è una voce che gira a sinistra: congelare la legislatura per tutto il 2016 e andare al voto nella primavera del 2017, tra due anni abbondanti. Sarebbe questo il contenuto del "nuovo" Patto del Nazareno tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, uniti da obiettivi comuni: neutralizzare, o far rientrare, i frondisti di Pd e Forza Italia, tranquillizzare chi teme le urne anticipate e raffreddare il clima di guerra latente intorno al nome del nuovo presidente della Repubblica. Il timing in Parlamento è rischiosissimo: entro il 20 gennaio dovrà arrivare il via libera alla legge elettorale in Senato e quasi contemporaneamente potrebbe scattare l'iter per l'elezione del successore del dimissionario (sì, ma quando?) Giorgio Napolitano. Già tra Montecitorio, Palazzo Madama e social network girano parole chiave del tipo #melina, #ricatti e #minaccia, giusto per capire il clima poco sereno che regna tra dem e azzurri. Forza Italia, per bocca di Renato Brunetta, vorrebbe legare i due temi, Italicum e toto-Colle. Il Pd, spiega il capogruppo alla Camera Roberto Speranza, non ci sta affatto. Ma a placare i bollenti spiriti potrebbe arrivare, ora, la nuova intesa tra i due leader. 

Il Nazareno reloaded - Secondo Repubblica, la stretta di mano sarebbe arrivata un paio di sere fa, in gran segreto. Denis Verdini, lo sherpa del Cavaliere, avrebbe incontrato nuovamente Renzi e il suo braccio destro Luca Lotti a Palazzo Chigi. Accordo sui contenuti del "Nazareno reloaded": sì all'Italicum e poi sul Colle. Il problema, come detto, erano i tempi. Passata la legge elettorale, molti temono che Renzi voglia forzare la mano, eleggere un presidente della Repubblica disposto a sciogliere subito le camere (magari Romano Prodi?) e consegnare la vittoria al segretario del Pd. Per questo molti forzisti vorrebbero bloccare tutto, col rischio di ripetere grosso modo quanto accaduto nel 2013, con l'ingorgo tra Palazzo Chigi e Quirinale: allora c'era in ballo la scelta del premier, oggi le elezioni, ma poco cambia. E dunque, ecco l'incontro a metà strada posticipando l'entrata in vigore effettivo dell'Italicum. Renzi la voleva far scattare l'1 giugno 2016, Berlusconi il 31 dicembre dello stesso anno. Ha vinto il compromesso: 1 settembre 2016, che considerando i tempi tecnici rende impossibile tornare alle urne prima del 2017. Se il premier, incassata la riforma della legge elettorale e la scelta del nuovo presidente, vorrà poi sparigliare e far cadere il suo governo, dovrà accettare il rischio di farsi votare dagli italiani con il Consultellum, la legge elettorale uscita dalla bocciatura del Porcellum da parte della Corte Costituzionale. Un rischio per lui, ma anche per tutti gli altri (compresi quelli nel Pd).

di Claudio Brigliadori
@piadinamilanese

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    18 Dicembre 2014 - 21:09

    sembra una scena raccapricciante, Berlusconi dietro ed il volto sofferente di chi mangia.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    18 Dicembre 2014 - 21:09

    questa foto la trovo disgustosa

    Report

    Rispondi

    • alvit

      19 Dicembre 2014 - 08:08

      non ti si vede, stavi sotto al tavolo a fare "lavorini"

      Report

      Rispondi

  • giacomolovecch1

    18 Dicembre 2014 - 15:03

    Signori miei....direbbe Renzi il fanatico...è un patto tra scellerati , o meglio, tra imbonitori !

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    18 Dicembre 2014 - 15:03

    Signori miei....direbbe Renzi il fanatico...è un patto tra scellerati , o meglio, tra imbonitori !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog