Cerca

Operazione Mezzogiorno

Lega Nord, tutti gli ex di Berlusconi, Fini e Alfano che saliranno sul carro di Matteo Salvini al Sud

Lega Nord, tutti gli ex di Berlusconi, Fini e Alfano che saliranno sul carro di Matteo Salvini al Sud

Ex berlusconiani, ex finiani, ex centristi, pure qualche ex Pd: sul Carroccio di Matteo Salvini al Sud vogliono salire in tanti. E qualche nome potrebbe imbarazzare il segretario padano, che domani varerà ufficialmente il soggetto politico che esporterà la Lega Nord nel Mezzogiorno e isole. Come sottolinea il Giornale, sono ancora top secret nome e simbolo, con una sola certezza: ci sarà il nome "Salvini". Sulla squadra, però, iniziano a filtrare già i primi nomi. Da Milano il segretario ed europarlamentare del Carroccio ha più volte sottolineato la volontà di puntare non su "paracadutati dal Nord" ma su politici ed esponenti della società civile già fortemente radicati sul territorio. E qualcuno di loro sta già bussando alla porta di Raffaele Volpi, il vice-capogruppo in Senato incaricato del reclutamento.




A Roma
- Dopo lo scandalo di Mafia Capitale, è a Roma che Salvini intravede già la possibilità di importanti successi elettorali in un futuro prossimo. E qui l'ossatura della "nuova" Lega sarebbe già pronta: in prima fila Silvano Moffa, ex presidente della Provincia di Roma, pidiellino che seguì Gianfranco Fini dopo la rottura con Berlusconi ma sempre "colomba". Ci sarà anche Souad Sbai, ex parlamentare berlusconiana e italo-marocchina in prima fila contro gli abusi dell'Islam. E poi ci sono i coniugi Cavallari: Enrico, ex assessorre al personale della giunta di Gianni Alemanno, e sua moglie Barbara Mannucci, turbo-berlusconiana ("Per me Silvio è la luce - diceva nei momenti duri del Cav  -, con lui fino alla fine. Sarò la sua Claretta Petacci". Nella squadra si dice si troverà spazio anche per l'ex alfaniano Marco Pomarici, già presidente del consiglio comunale romano per il Pdl. 

In Campania - Sono invece Mario Landolfi, ex ministro delle Comunicazioni nel governo Berlusconi, e Gennaro Colonnello, ex vice-coordinatore del Pdl campano, i nomi forti su cui potrebbe puntare Salvini a Napoli e dintorni. E ci sono anche Gianluca Cantalamessa, ex missino che ha fondato l'associazione Cambiamò, e il presidente di Fare Ambiente Vincenzo Pepe

In Puglia e Sardegna - Chiudono il conto, per ora, Rossano Sasso, ex sindacalista dell'Ugl (fronte scuola) in Puglia e Marcello Orrù (dal Partito sardo d'azione) in Sardegna. Ma attenzione, perché chi pensa che la "cosa" salviniana sarà un misto di Lega e destra (tra Alfano, Fini e Fratelli d'Italia) forse sbaglia, perché come suggerito dallo stesso Volpi ci sarebbe anche qualche Pd disposto a cambiare verso. Anche per questo, però, le antenne di Salvini sono dritte: niente opportunisti a bordo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LeZZeno

    08 Gennaio 2015 - 14:02

    lasciate perdere quel minus habens di fini. piuttosto la Lega contatti i dirigenti del M.I.S. e quelli di Fiamma Tricolore, tutta gente che da sempre ha preferito le idee ai "posti".

    Report

    Rispondi

  • valeriav

    20 Dicembre 2014 - 12:12

    Ne Fini ne Alfano, mi raccomando Matteo, non sono credibili e chi ha tradito è pronto a rifarlo se li conviene, niente riciclati altrimenti rischi di perdere i voti e la fiducia che hai conquistato!

    Report

    Rispondi

  • igna08

    19 Dicembre 2014 - 10:10

    Per chi è di destra, votare oggi è veramente un rischio .Si perchè tra gli uomini politici, ci sono troppi voltagabbana, opportunisti che passano con indifferenza da destra a sinistra e viceversa. C'è poco da fidarsai.

    Report

    Rispondi

  • vaimo

    18 Dicembre 2014 - 21:09

    Armata Brancaleone ! C'è chi non riesce ad emergere nel "suo giardino"e si butta nel giardino altrui !Che facce di bronzo!E chi ti vota!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog