Cerca

La presentazione

Matteo Salvini presenta la Lega per il Sud: "Ecco il nostro programma"

Matteo Salvini presenta la Lega per il Sud: "Ecco il nostro programma"

Niente verde, un campo bianco con un ovale blu e la scritta in giallo e bianco "Noi con Salvinì" e poi il nome della regione del centro e del Meridione nel simbolo. Il segretario della Lega presenta alla Camera il suo progetto per il centro-sud e sbarra la strada a chi vuole utilizzare "questo soggetto come un tram su cui salire per salvare la poltrona. Diciamo no a riciclati - dice Salvini -, vogliamo energie fresche. Le esperienze politiche verranno valutate singolarmente, ma non ci sarà il rischio di infiltrazioni e di assalto alla diligenza. E comunque per noi
l’onestà e la fedina penale pulita restano le condizioni per aderire". Poi Salvini parla anche del dopo Napolitano: "Mi auguro che il prossimo presidente della Repubblica non sia un servo di Bruxelles, un complice dell’Euro e dell’Europa, che permetta l’esproprio della sovranità italiana". 

Il no all'euro - Il segretario del Carroccio poi ribadisce il suo no all’euro ("è una moneta morta") e critica Renzi, "una marionetta al servizio di Bruxelles". Salvini ha anche parlato delle possibili alleanze: "Non mi interessano le alchimie del centrodestra - sottolinea il segretario del Carroccio -, non voglio le frittate e le marmellate del passato. Non me lo ordina il dottore di fare accordi con chi non è coerente con questo progetto...". E dunque nessuno spazio ad Alfano e "mi porrò la domanda" - aggiunge Salvini - se "fare un tratto di strada" con "chi sta governando a metà con Renzi" appoggiando le sue riforme. Infine Salvini punta il dito contro Grillo: "Beppe Grillo ha smesso di insultarci, e questa mi sembra una buona notizia. Ma il suo referendum contro l’euro resta una sola, una perdita di tempo. Bisogna lavorare al dopo euro - aggiunge - perché l’euro crollerà prima dell’inutile raccolta firme di Grillo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • britney1978

    20 Dicembre 2014 - 21:09

    SAREBBE BELLO VEDERE IL NOME DELLA MIA CALABRIA

    Report

    Rispondi

  • sulas.areamanager

    20 Dicembre 2014 - 10:10

    Questo ci viene a far la morale come venisse dal cielo; non ha mai lavorato, 16 anni di università ( 12 fuoricorso), si occupa di politica da 24 anni, a braccetto con la banda Bossi e nel comune di Milano. Sparla di Bruxelles, ma l'assenteista leghista prende 12000 € al mese per passare da una TV all'altra. Chi crede che costui sia la soluzione è un povero illuso, per non dire altro...

    Report

    Rispondi

  • nick2

    20 Dicembre 2014 - 10:10

    1/2 Blues, la Lega ha fregato gli italiani perché si è comportata come e peggio della vecchia DC, sia a Roma che al nord, dove ha infiltrato i suoi uomini nelle più importanti cariche del sistema sanitario, delle amministrazioni locali, delle municipalizzate, venendo a patti con la ‘ndrangheta, che ormai controlla l’economia lombarda.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    20 Dicembre 2014 - 10:10

    2/2 Inoltre ha fregato i poveri coglioni e boccaloni come te, perché da partito federalista ed europeista si è trasformato in partito nazionalista fascista, antieuropeista, filo russo, venendo meno a tutti i suoi principi. Ti basta?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog