Cerca

Imbarazzo

Ddl stabilità, fiducia al Senato alle 5 di mattina: 162 sì, 37 no

Ddl stabilità, fiducia al Senato alle 5 di mattina: 162 sì, 37 no

Fiducia all'alba alla legge di stabilità: poco prima delle 5 di sabato mattina il Senato ha votato sì al maxi-emendamento sulla manovra, 162 voti a favore, 37 contrari e nessun astenuto. Si conclude così, tra onorevoli esausti, polemiche, gruppi fuori dall'aula e accuse di "porcata", la maratona a Palazzo Madama da cui il governo esce ammaccato, se non altro nell'immagine. E, cosa peggiore, con una manovra che non sembra risolutiva per portare fuori l'Italia dalle secche della crisi.

Slittamento continuo - Fin dal pomeriggio di venerdì si era capito che sarebbero state ore molto lunghe. Il maxi-emendamento era atteso per le 11, quindi per le 15, infine per le 17. Niente da fare: tra le contestazioni dei senatori, in un Palazzo Madama ribollente, prima dell'ora di cena il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi ha annunciato l'ennesimo voto di fiducia. 

Imbarazzo - Il vice ministro all'Economia, Enrico Morando, con qualche imbarazzo, spiega che c'è il testo ma manca la "bollinatura" della Ragioneria dello Stato. La copertura delle nuove norme non è quindi ancora chiara. Morando, tra le proteste delle opposizioni, ha fatto presente di non essere in grado "a differenza di quello che credevo, di prendere un impegno preciso. So che c'è il testo definito, ma manca la relazione tecnica. Posso chiedere al Governo che venga depositato, per portarlo a conoscenza dei senatori, impegnandosi per una precisa ora alla deposizione della relazione tecnica". La vice presidente di turno dell'assemblea, Linda Lanzillotta, ha risposto che "non è tecnicamente possibile". Morando dice il vero, infatti il ragioniere dello Stato Daniele Franco pone la sua firma intorno alle 20, in un frenetico andirivieni.

Ira delle opposizioni - Il capogruppo di Forza Italia Renato Brunetta ha commentato dicendo che sulla legge di Stabilità il governo è "nel caos, in stato confusionale, dilettanti allo sbaraglio. Per di più arroganti. Al Senato il maxi-emendamento del governo è ancora un fantasma, in attesa del parere della Ragioneria generale dello stato. E la ragione sono le solite mance clientelari. Se va avanti così si rischia l'esercizio provvisorio. Che, visti i testi che girano in queste ore, non sarebbe neanche un male"

Governo nel pallone - "Ci risiamo, il Governo è nel pallone" sottolineano i senatori del Movimento 5 Stelle, evidenziando che il Governo "prima toglie al Parlamento la possibilità di discutere in Commissione la legge fondamentale per i conti dello Stato, poi porta in aula un testo senza il mandato al relatore e ora non riesce nemmeno a farci avere il testo del maxiemendamento. Il motivo - aggiungono in una nota - lo conosciamo: in questi giorni i corridoi del Senato erano affollati da lobbisti intenti a far infilare nella legge di stabilità norme clientelari e a vantaggio di singoli invece che della collettività. Ora il Governo evidentemente non riesce a far quadrare i conti e non sa come uscirne".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino del3mi

    21 Dicembre 2014 - 09:09

    QUANDO????????????????????????????????? gli italiani manderanno a spasso tutte queste sanguisughe, insulsi, incompetenti che hanno rovinato questo paese, eletti da nessuno e ora ci vogliono rifilare anche come presidente una cariatide del passato che ha contribuito a rovinare questo paese.Poi chi ha messo a capo del governo, un venditore di tappeti. è VERGOGNOSOOOOOOOOOOOOOOOOO

    Report

    Rispondi

  • arwen

    19 Dicembre 2014 - 21:09

    A proposito di promesse nn mantenute, visto che ancora qualcuno crede alle frottole renziane. Auto blu, nn sono state realmente tagliate. Debito pubblico, altro record infranto. Come si può dare fiducia a un simile chiacchierone che vede solo il potere e le sue ambizioni? intanto la manovra langue, i soldi nn ci sono, la UE ha posto dei paletti chiari, Matteo nn sa da che parte pescare!

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    19 Dicembre 2014 - 21:09

    Non per fare la Cassandra,che non è nel mio stile, ma a quanto pare la maggior parte degli abitanti di questa espressione geografica non ha ancora capito ciò che bolle in pentola. Riforme strutturali non potranno essere mai fatte, una rifresa economia è un qualcosa di così inimmaginabile ed irrealizzabile che nemmeno la Madonna di Lourdes col suo figliolo potrebbe portare a compimento. Siccome l'

    Report

    Rispondi

    • arwen

      19 Dicembre 2014 - 21:09

      X fare le riforme, servono quattrini, che nn ci sono. x fare le riforme servono idee e progetti, che nn ci sono. X fare le riforme servono persone preparate e competenti, che nn ci sono. X favorire la crescita sevono investimenti, x i quali nn ci sono i soldi. Ci rimane solo la Madonna, ma deve lasciar perdere tutto il resto......

      Report

      Rispondi

  • rocambole

    19 Dicembre 2014 - 21:09

    Non per fare la Cassandra,che non è nel mio stile, ma a quanto pare la maggior parte degli abitanti di questa espressione geografica non ha ancora capito ciò che bolle in pentola. Riforme strutturali non potranno essere mai fatte, una rifresa economia è un qualcosa di così inimmaginabile ed irrealizzabile che nemmeno la Madonna di Lourdes col suo figliolo potrebbe portare a compimento. Siccome l'

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog