Cerca

Cosa faranno i leader

Il 2015 di Silvio Berlusconi: finiti i servizi sociali, spera in un amico al Quirinale

Il 2015 di Silvio Berlusconi: finiti i servizi sociali, spera in un amico al Quirinale

A Villa San Martino, allo scoccare della mezzanotte, i Berlusconi brinderanno, ma senza finire tutta la riserva di Dom Pérignon presente in cantina. Un tot di bottiglie sarà preservato per un’altra data, segnata in rosso, ma soltanto sul personalissimo calendario del Cavaliere. Il 15 febbraio si concluderà anticipatamente l’affidamento ai servizi sociali del leader di Forza Italia. Silvio ha promesso che continuerà a fare visita agli anziani di Cesano Boscone. Ma da libero cittadino, non per effetto della sentenza Mediaset. Condannato a 4 anni in Cassazione per frode fiscale, Berlusconi ne ha scontato solo uno grazie all’indulto. I dodici mesi, cominciati il 15 aprile 2014, diventeranno con ogni probabilità dieci. E scadrano tra qualche settimana.

Tornerà padrone del suo tempo, Silvio. Libero di viaggiare. Prima tappa: Madrid. Per visitare l’appartamento (ma, secondo alcuni, pare si tratti di un villone appena fuori il centro abitato costato 2 milioni di euro) che il Cav ha regalato alla fidanzata Francesca Pascale. Un modo per fugare le voci di una nuova crisi tra i due. «Niente di più falso», smentiscono entrambi. Da metà febbraio Berlusconi sarà anche libero di dedicarsi alla politica a tempo pieno. E, giura lui, è ciò che intende fare. Ci sono alcuni passaggi importanti dai quali Berlusconi non vuole essere escluso. A partire dalla approvazione dell’Italicum, passando poi al voto del nuovo inquilino del Quirinale. Il successore di Giorgio Napolitano deve essere una persona che dia «garanzie» al Cavaliere. No a manettari e a giustizialisti. Sì a chi intende sedersi sul seggio più alto per traghettare l’Italia verso la piena pacificazione. Ciò significa, nell’ottica berlusconiana, che Mister X dovrà restituire al leader del centrodestra la dignità ferita e l’agibilità politica persa per effetto della sentenza del 1 agosto 2013. Il Cavaliere vuole essere ricordato per la sua storia imprenditoriale e politica, non come pregiudicato.

Silvio si lascia alle spalle un anno di purgatorio. Dopo l’inferno delle condanne e della decadenza, Berlusconi si è ripreso la scena grazie al patto del Nazareno. È stato riabilitato come interlocutore politico, anche se ha dovuto pagare dazio alle urne: molti dei suoi elettori non hanno capito la politica della “responsabilità”. Nel 2014 il Cav è stato anche assolto in Appello nel processo Ruby. Però ora, con il nuovo anno, l’ex premier vuole lasciarsi alle spalle definitivamente l’incubo. Come? Con un atto che gli restituisca i diritti politici. Ciò che Napolitano non ha voluto concedere. Originariamente a Berlusconi erano stati inflitti 6 anni di interdizione dai pubblici uffici, successivamente ricalcolati in 2. Con l’applicazione della legge Severino, Silvio è stato dichiarato decaduto dal suo incarico parlamentare.

L’interdizione finisce il 31 luglio 2015, dal giorno dopo Berlusconi riacquisterà i suoi diritti di elettorato attivo e passivo. Tornerà a essere ricandidabile. Ma nel frattempo la Consulta, chiamata dal Tar a decidere sulla retroattività della legge Severino, potrebbe aprire un ulteriore scenario. Se infatti i giudici costituzionali dovessero stabilire che la norma non si applica ai reati commessi precedentemente alla sua entrata in vigore, ad agosto, per Berlusconi, potrebbero addirittura riaprirsi le porte del Senato. E allora sì che il 2015 sarebbe un anno da ricordare: «Cameriere, champagne!».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • soleados

    01 Gennaio 2015 - 10:10

    CON PREGHIERA DI PUBBLICARLO. GRAZIE CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE Tocco solo un punto del discorso:Napolitano ha parlato di Costituzione, moralita' e senso dello stato! Bene, mi chiedo come si possa parlare di queste cose quando si permette ad un Pregiudicato con sentenza definitiva di partecipare alle riforme ed alla vita politica!

    Report

    Rispondi

    • alfredo.cristoforetti

      01 Gennaio 2015 - 15:03

      E mi chiedo come possano esistere persone come lei che riducono i problemi italiani a ellaiBerlusconi, peraltro ultimo premier eletto e non impostomacellai Europei

      Report

      Rispondi

  • amberto29

    01 Gennaio 2015 - 10:10

    sono dubbioso ma speriamo vada tutto bene Berlusconi con Salvini ,volendo potrebbero fare molte ottime cose

    Report

    Rispondi

  • amberto29

    01 Gennaio 2015 - 10:10

    sono dubbioso ma speriamo vada tutto bene Berlusconi con Salvini ,volendo potrebbero fare molte ottime cose

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    31 Dicembre 2014 - 21:09

    Povera FI...hosempre contestato alla sinistra di speculare sul conflitto di interessi del Cav .devo dire che comunque Berlusconi fa muovere o nn nella politica italiana , FI come fosse Dudù , blocca FI e tutti i suoi elòetti solo perchè spera di trovare uno che gli dia la grazia. Si faccia da parte e lasci che Fi vada avanti a far politica . Se lui la usa come suo zerbibo si troverà solo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog