Cerca

Dal blog

M5S, l'anti-discorso di Beppe Grillo: così sfida Napolitano

M5S, l'anti-discorso di Beppe Grillo: così sfida Napolitano

Un "contro-discorso" pronunciato nell'oscurità di una "catacomba", lanterna e candela al fianco, toni sussurrati. E' questa la scelta di Beppe Grillo che parla alle 20.30 in punto, in streaming sul suo blog, in contemporanea con il discorso di fine anno del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. "Siamo in una specie di catacomba dove aleggiano spiriti buoni - spiega sussurrando - e dove parliamo di onestà e lealtà, queste cose che ormai fuori vengono percepite come rivoluzionarie o eversive".



Il leader M5S attacca: "Ci stiamo abituando a questo marcio, la mafia a Roma, la corruzione Expo, non lo percepiamo neanche più.. Per questo bisogna parlare sottovoce. Noi vogliamo un paese normale, noi - sottolinea - forse siamo la causa di qualcosa e gli effetti li vedranno i nostri nipoti. Forse abbiamo fatto poco, ma non abbiamo mai tradito le cose dette. Noi non ci teniamo i soldi ma i cittadini ce li danno per le grandi iniziative e invece loro, i partiti, ve li chiedono. Ma noi - prosegue - siamo stufi di avere sempre ragione". 

Beppe Quindi legge una favola di Italo Calvino, La pecora nera: "Voglio lasciarvi in modo sereno. Vi leggo una piccola parabola, una favola di Calvino che è la dimostrazione di come non è cambiato niente da 20-25 anni fa". E inizia a leggere: "C'era un paese dove erano tutti ladri"... Quindi si ferma e osserva: "Indovina che paese è?". E poi riprende la lettura: "Il governo era un'associazione a delinquere a danno dei sudditi". E anche qui chiosa: "Ci sono strane assonanze..". E cita l'unico onesto che poi morirà di fame. Grillo conclude con un tono di voce sempre molto basso: "Vi auguro buone cose. Buon anno a tutti gli onesti. E adesso, in questo ufficetto, ci faremo seppellire con l'ombra di Casaleggio...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    19 Aprile 2015 - 15:03

    Grillo è il classico quaraquaqua italiano e dire che sfida Napolitano è un parolone troppo grosso. Era un ottimo comico che però dandosi alla politica ha dimostrato anche lui l'assenza di una certa quantità di neuroni, o meglio ha dimostrato di avere parecchi neuroni difettosi. Purtroppo in questo Paese non si può sperare di avere delle valide guide.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    04 Gennaio 2015 - 11:11

    Buffone e nulla facente come i componenti del tuo partito M5S, ridicoli e incompetenti.

    Report

    Rispondi

  • ludvig53

    01 Gennaio 2015 - 20:08

    inviterei tutti: pd,lega,f.i sciolta civica ecc. ecc. ad ascoltare la favola di Calvino raccontata da Grillo,lasciate per 5 minuti da parte l'appartenenza politica, ascoltatela e meditate.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    01 Gennaio 2015 - 15:03

    io non guardo alle chiacchere o alle diatribe, Guardo ai Fatti. i Fatti che Vedo sono che PD e PDL RUBANO, ma i 5 stelle invece NO. Nè al parlamento, nè nelle amministrazioni locali, e anche se possono esserci uno o due casi dubbi sono comunque ZERO confronto all'esercito dei ladri di PD e PDL. Quindi voterò 5 stelle. Buon anno a tutti, esclusi i ladri della politica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog