Cerca

La corsa al Colle

Forza Italia, tutti i candidati al Quirinale

Forza Italia, tutti i candidati al Quirinale

Che Forza Italia sia divisa non è una novità. Da quando poco prima dello scisma alfaniano, le colombe si erano divise dai falchi, il partito non si più ricompattato. Ma ora le fratture  interne avranno inevitabilmente ripercussioni sull’elezione del Presidente della Repubblica. Non a caso il premier è preoccupato: il primo “stress test” ci sarà giovedì 8 gennaio.  A Palazzo Chigi si parla ironicamente della “prova dell’otto”. La settimana che sta per cominciare infatti si comincia a votare per l’Italicum al Senato e sarà per Renzi la prova per capire se il Patto del Nazareno regge anche in vista delle elezioni per il Colle.

Il premier si chiede ancora se Berlusconi e iVerdini reggono ancora il partito. O se Raffaele Fitto può superare l’attuale soglia dei 18 senatori mettendo in crisi sia il voto per le riforme che quello per il Colle. Certo è che i segnali finora arrivati dalle esternazioni dei big azzurri confermano i sospetti e le paure del Pd. Non sono uniti. Era stato il portavoce Giovanni Toti ad infiammare gli animi poco prima di Natale spiegando: “Non c’è un veto assoluto rispetto a nessuno”. Ma Toti aveva detto un no forte a Prodi. Adesso, dopo il discorso di Napolitano ognuno pensa a un candidato diverso. Berlusconi, che in passato, aveva fatto il nome di Giuliano Amato adesso (come ha rivelato il nostro Franco Bechis) sarebbe pronto a sostenere Anna Finocchiaro e Sergio Mattarella. Augusto Minzolini e Daniela Santanché hanno dichiarato anche che sarebbero anche favorevoli a votare Romano Prodi. Renato Brunetta , capogruppo di Forza Italia alla Camera, nonostante il presidente della Mario Draghi Bce si sia sfilato dalla partita pensa al Governatore come possibile successore di Napolitano. E poi c’è Raffaele Fitto: il suo candidato è Pierferdinando Casini (che piace anche agli alfaniani di Ncd). In queste ore è spuntato anche il nome del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni che potrebbe compattare Forza Italia e Ncd. Renzi spera ovviamente che il partito azzurro dia prova di compattezza e giovedì prossimo è pronto a testarlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • domenicaloglisci

    06 Gennaio 2015 - 21:09

    La svolta per una Italia nuova è Emma Bonino. Se l'Italia è una Repubblica e non vi è distinzione di sesso la Bonino è la candidata giusta.Ma purtroppo l'Italia è una monarchia di maschilisti papponi e non permetteranno l'ascesa di un sesso PER LORO debole.Spero che avvenga il colpo grosso.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    06 Gennaio 2015 - 03:03

    Tutti questi nomi citati sono : SPAZZATURA.

    Report

    Rispondi

  • profpietromelis

    06 Gennaio 2015 - 00:12

    CHE schifo. Individui privi di meriti. Si vuole una donna? Allora la Gabanelli. Si vuole un uomo? Allora Fernando Imposimato

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    05 Gennaio 2015 - 23:11

    Se questi sono i nomi che FI appoggerebbe vuol dire che a Berlusconi gli va bene qualsiasi persona ....basta che gli dicano : La tua grazia ? dai che vediamo.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog