Cerca

L'intervista

Mario Monti: "Senza di me oggi al Colle ci sarebbe Berlusconi"

Mario Monti: "Senza di me oggi al Colle ci sarebbe Berlusconi"

Una lunga intervista a Mario Monti. Un'intervista in sui il senatore a vita parla del passato, del presente e del futuro. In  particolare, l'elezione del Presidente della Repubblica. Il giornalista de La Stampa gli fa notare come, se non avesse fondato Scelta Civica, se non avesse corso per le elezioni politiche del 2013 lui sarebbe uno dei candidati. "Oggi non corro nessun rischio, ma nel 2016, prima che venisse eletto Giorgio Napolitani, Silvio Berlusconi aveva proposta al centrosinistra una rosa con i nomi di Giuliano Amato, Lamberto Dini, Franco Marini e il mio. Nel 2013, allo scadere del settennato di Napolitano, molti dicevano che sarei stato il successore naturale. Ma oggi le cose sono molto diverse". Ma l'ex premier aggiunge un altro dettaglio: "Se non avessi presentato Scelta Civica oggi non ci sarebbe nessun presidente da eleggere perché, nel 2013, senza Sc in Parlamento, ci sarebbe stata una maggioranza sufficiente ad eleggere un nuovo presidente che verosimilmente sarebbe rimasto in carica sette anni. Sc nelle politiche di febbraio aveva preso circa il 10 per cento". E ancora: "Senza Scelta Civica nella primavera del 2013 un esponente del centrodestra sarebbe stato eletto Capo dello Stato (verosimilmente Silvio Berlusconi) e un altro suo esponente sarebbe diventato capo del governo. Invece si è addivenuto alla rielezione del presidente Napolitano e, su sua nomina, ad Enrico Letta come presidente del Consiglio, sorretto da una grande coalizione al quale è succeduto con formula simile, Matteo Renzi nel febbraio 2014".

Le pagelle a Renzi e a Letta - Monti si sofferma sia sull'operato di Enrico Letta che di Renzi, ritiene che si è perso troppo tempo, dice che l'Italia ha bisogno di crescita e che Letta "ha esitato per mesi prima di adottare, il giorno precedente, la fine del suo governo, un contratto di coalizione. Ha cercato di tenere Berlusconi nella maggioranza anche dichiarando l'obiettivo di abolire l'Imu sulla prima casa, operazione non riuscita". E su Renzi: "Si è mosso fin dall'inizio con molta determinazione, si è concentrato anch'egli su una misura certo popolare ma finanziariamente molto impegnativa (gli 80 euro) che non pare avere sorito gli effetti economici ma ha seriamente condizioni l'insieme delle scelte del governo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • l.interbartolo

    08 Gennaio 2015 - 11:11

    porco

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    08 Gennaio 2015 - 10:10

    Il guaio é che un simile individuo, oltre ai danni arrecati a tutti, lo manteniamo come senatore a vita... i coglioni siamo ancora noi che invece di andare a votare e spazzare via nuovi e vecchi arnesi mantenuti, lasciamo che i soliti noti che voterebbero anche dal letto di morte, gestiscano l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • antonioernesto

    07 Gennaio 2015 - 19:07

    Senza Monti avremmo solamente avuto un coglione di meno ad essere stato Presidente del Consiglio dei Ministri per di più grazie ad un indiscutibile golpe.

    Report

    Rispondi

  • miacis

    07 Gennaio 2015 - 18:06

    Ma ancora lo intervistate?Questo sarebbe capace di mettere milioni di persone sul lastrico e spiegare tutti i beneficiche ne deriverebbero!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog