Cerca

Prova muscolare

Matteo Renzi: "Prima Quirinale e legge elettorale, poi il decreto fiscale. Berlusconi sconterà tutta la sua pena"

Matteo Renzi: "Prima Quirinale e legge elettorale, poi il decreto fiscale. Berlusconi sconterà tutta la sua pena"

"Noi cambiamo il fisco per gli italiani, non per Berlusconi. Senza fare sconti a nessuno, nemmeno a Berlusconi, che sconterà la sua pena fino all'ultimo giorno". Dopo la retromarcia-figuraccia sul decreto fiscale e le polemiche sul "salva-Cav" poi ritirato, Matteo Renzi prova a fare la voce grossa. "Noi - ribadisce - non facciamo norme ad personam, né contra personam. E' una norma semplice che rispetta il principio di proporzionalità", sottolinea a proposito del famoso limite al 3% dell'importo sulle imposte sui redditi evase al di sotto del quale il reato di frode fiscale verrebbe depenalizzato. Un principio di proporzionalità, aggiunge Renzi, "che si può naturalmente eliminare, circoscrivere, cambiare. Ma per evitare polemiche - sia per il Quirinale, che per le riforme - ho pensato più opportuno togliere di mezzo ogni discussione e inserire anche questo decreto nel pacchetto riforme fiscali del 20 febbraio". Scadenza temporale entro la quale il governo spera di chiudere tutte le partite più bollenti, dall'Italicum all'elezione del nuovo presidente della Repubblica. Di fatto, dunque, significa tenere la pistola carica e ben in vista sul tavolo delle trattative con Berlusconi e Forza Italia. Una strategia muscolare molto, molto vicina al "ricatto sul Colle" di cui ha parlato l'avvocato del Cavaliere, Franco Coppi


L'altra lettura - Tutto questo a una prima lettura. Ma attenzione, perché le parole di Renzi possono essere lette anche in altro modo, decisamente più morbido per il Cav. Innanzitutto, il decreto fiscale si farà. Ed è una sfida alla sinistra Pd e al Movimento 5 Stelle che difficilmente non avrà ripercussioni sul dialogo per il dopo-Napolitano. E proprio per questo, al netto delle possibili modifiche nel merito, appare come un'apertura allo stesso Berlusconi dopo un paio di giorni in cui, se solo avesse voluto veramente, il premier avrebbe potuto chiudere ogni dialogo ancora in piedi con il leader di Forza Italia (e viceversa). Se i due stanno ancora parlando, significa che le intese sono profonde. E pure quella frase, "Berlusconi sconterà la sua pena fino all'ultimo giorno", suona un po' come un contentino ai più manettari e anti-Cav della sinistra. A febbraio, infatti, Berlusconi finirà "naturalmente" i suoi servizi sociali a Cesano Boscone e l'iter parlamentare del decreto fiscale di fatto coinciderà con quella scadenza. Diverso, molto diverso, il discorso dell'incandidabilità di Silvio. Di questo se ne riparlerà dopo l'approvazione del decreto. E tutto è ancora aperto.

"Preferenze più collegi" - Il premier cerca di liberarsi con una scollata di spalle dell'ultimo pasticcio del suo governo e rilancia sulle riforme in arrivo. Innanzitutto, c'è l'Italicum: "Alla fine due terzi dei parlamentari saranno eletti con le preferenze, un terzo con il sistema dei collegi. Tutti sapranno chi si vota in modo riconoscibile e chiaro. Da domani siamo al Senato, in aula. Poi passaggio finale alla Camera. Dopo anni di parole ci siamo davvero", scrive ancora Renzi. "Cento collegi in cui ogni partito presenta un nome sul modello dei collegi uninominali, ma viene introdotta anche la possibilità di votare il proprio candidato con la preferenza". La nuova legge elettorale sarà, parola del premier, "semplice, chiara, immediata": "Chi vince, vince. E governa, per cinque anni. Maggioranza chiara. Basta col ricatto dei partitini: il partito più forte governa da solo, sempre che ne sia capace".

"Fine del bicameralismo perfetto" - Legato a questa riforma c'è il nuovo Senato. Il ddl Riforme è mercoledì alla Camera, "con tempi contingentati per finire entro gennaio la seconda lettura". "Un passaggio storico", lo definisce il presidente del Consiglio: "Il Presidente Napolitano ha detto che il bicameralismo paritario è stato il più grande errore dell'Assemblea Costituente. La pensiamo come lui". Per questo, "dopo 70 anni di tentativi andati a vuoto, questo Parlamento, in questa Legislatura, sta portando a casa una riforma seria e organica. Sta nascendo il Senato delle autonomie, si definiscono le funzioni delle Regioni riducendone costi e pretese ma chiarendone meglio le funzioni, si aboliscono gli enti inutili, si semplifica il procedimento legislativo". 


di Claudio Brigliadori
@piadinamilanese

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo58

    07 Gennaio 2015 - 18:06

    ma come è finita con le inchieste profumo e passera. anche queste verranno rimosse con il decreto fisco?. o forse anche questo articolo verrà rimosso perchè ad personam ?. se ne è accorto qualcuno?.

    Report

    Rispondi

  • soleados

    07 Gennaio 2015 - 12:12

    propongo il dott.Berlusconi Silvio come Presidente della Repubblica per questi fondamentali motivi: a) e' un pregiudicato per la legge italiana;b) e' amico di Renzi; c)Come Presidente della Repubblica si autoconcederebbe la grazia, mettendo fine a tutte le polemiche;d)Avremmo risolto il problema dell'Euro:con un pregiudicato alla sommita' del Quirinale, l'Europa ci caccerebbe, a calci .

    Report

    Rispondi

    • arwen

      07 Gennaio 2015 - 16:04

      All'Europa nn gliene frega una cippa. Sveglia. Se spergiurasse di obbedire scodinzolando come Monti, Letta, Renzi e Napolitano, alla UE nn interesserebbe neanche se facessimo presidente Alì Babà. Questa inutile e sterile guerra a B. è obsoleta, specialmente nella considerazione che lui, un privato cittadino nonchè pregiudicato, è l'interlocutore privilegiato del Capo del Governo x le riforme....

      Report

      Rispondi

  • encol

    07 Gennaio 2015 - 11:11

    Ma che pasticcione incapace e incompetente. Pensava forse che 4 balle lo avrebbero tenuto in poltrona? NON ha capito niente!!!!

    Report

    Rispondi

  • CARLINOB

    07 Gennaio 2015 - 08:08

    Più che contro Berlusconi , che sicuramente la mossa è stata concordata : basta vedere quando è emersa , ma la cosa mi scandalizza come cittadino : ma perchè dobbiamo sempre dare il dolce agli evasori?' Io semplice cittadino come devo fare ad ingoiare ancora una volta queste operazioni salva evasori ? 12 ai 20 miliardi di euro condonati!! Ma è scemo davvero il Premier con questo governo di omini

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog