Cerca

La promessa dei tre leader

Meloni, Tosi e Fitto: il progetto per sabotare l'intesa tra Berlusconi e Renzi

Fitto, Tosi, Meloni

«Sia chiaro, non voglio morire renziana», dice con il solito impeto passionale Giorgia Meloni dal palco del cinema Adriano a Roma, dove è stata battezzata l’iniziativa «Sveglia centrodestra!», promossa dalla fondazione «Fare Futuro» presieduta dall’ex ministro Adolfo Urso. Per carità, a vedere la sala dell’Adriano sono in molti a condividere l’idea della Meloni. A partire da Francesco Storace che segue con attenzione ma senza troppa partecipazione i lavori. Da uomo d’azione quale è vorrebbe più entusiasmo e meno tatticismo: «Spero che il dibattito cresca di livello, i protagonisti sono comunque all’altezza della sfida». E proprio per questa ragione i giovani della Fondazione, provati e prostrati dalla batosta delle ultime europee, hanno invitato la leader di Fratelli d’Italia, il «ribelle» azzurro Raffaele Fitto e il leghista ma non troppo sindaco di Verona, Flavio Tosi (che ieri ha debuttato ufficialmente su Twitter), a tracciare una linea per riunire il centrodestra. O almeno quel che ne resta, essendo troppo frammentato e disorientato.

Non a caso la diagnosi è pressochè unanime. «Il centrodestra, così come lo abbiamo conosciuto fino a ora, è morto, bisogna ricominciare da capo» e costruire un’alternativa «forte e credibile al rottamatore». Il rischio, avverte Tosi, è di cadere sotto i «ricatti» del Patto del Nazareno, che «serve al premier solo per mantenerci divisi e farci scomparire». Una via d’uscita ci sarebbe pure, assicurano i quattro promotori della manifestazione, e passa attraverso le primarie. Il problema è che fra la teoria e la pratica c’è di mezzo un mare di soldi. Tanti, pure troppi, nonostante lo sforzo titanico nel dimostrare che si possono fare a costo zero. Ma se Tosi e la Meloni possono concedersi il lusso di guardare in prospettiva alle prossime regionali, Fitto è assediato dal presente. «Non hanno ancora capito gli amici del mio partito che errore hanno fatto», dice l’europarlamentare di Forza Italia, «a non invitarmi all’iniziativa organizzata in Abruzzo (Neve Azzurra, ndr). Non pensi nessuno di non ascoltare che cosa pensano in tanti nel partito, noi abbiamo a cuore il futuro del centrodestra e ci interroghiamo sui contenuti e sugli strumenti. I contenuti sono una politica economica alternativa al governo Renzi e gli strumenti», ricorda Fitto, «sono le primarie che legittimano la classe dirigente dal territorio». L’ex governatore della Puglia parla di primarie, in realtà dietro alle sue parole c’è l’ombra del Quirinale.

Perché la partita vera riguarda la scelta del nuovo capo dello Stato. Fitto, assieme al deputato Daniele Capezzone e alla senatrice Cinzia Bonfrisco entrambe presenti alla manifestazione, può contare su 38 parlamentari sicuri, pronti a deviare dal percorso che indicherà Silvio Berlusconi. Non solo. Nel segreto dell’urna la componente dei franchi tiratori potrebbe crescere e moltiplicarsi complicando i giochi tanto a Renzi quanto al Cavaliere. Il quale, consapevole di tutto ciò, delega a Giovanni Toti e Renato Brunetta il compito di smussare i toni con Fitto, preferendo occuparsi della Francia e del fenomeno del terrorismo internazionale. «Mi sembra una polemica sul nulla», dice il consigliere politico di Forza Italia in relazione al mancato invito di Fitto a «Neve Azzurra 2015». Be, se 38 ribelli vi sembran pochi...

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    21 Gennaio 2015 - 12:12

    Lasciate che Berlusconi faccia un partito col venditore di pentole. Berlusconi e Renzi insieme, ve l'immaginate? Una colossale sequela di bugie e d'inganni. Una garanzia per gli stupidissimi italioti.

    Report

    Rispondi

  • marco53

    21 Gennaio 2015 - 12:12

    Bravi, affondate quel maledetto! Ormai è venduto, corrotto e impaurito. Non ci rappresenta più. E' un lacchè del venditore di pentole Renzi. Non possiamo attendere che crepi da solo, perchè ha fatto un patto col Diaviolo e camperà ancora almeno 15 anni. Fatelo fuori prima...almeno politicamente!

    Report

    Rispondi

  • Chry

    11 Gennaio 2015 - 18:06

    povero Silvio, credo si rifugerà da Renzi

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    11 Gennaio 2015 - 17:05

    Sbagliano tutto! Dovrebbero solo unirsi a Salvini e rifondare completamente una Destra forte e coesa. Purtroppo però ciascuno pensa solo a prevalere sugli altri per avere il predominio sul piccolo orticello dietro casa, e sanno benissimo che nessuno di loro la spunterebbe mai contro Salvini. Se questa è l'alternativa di Destra, io sto con Salvini tutta la vita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog