Cerca

Terrorismo islamico

"Truppe di terra e Putin", il piano anti islam di Berlusconi

"Truppe di terra e Putin", il piano anti islam di Berlusconi

"L'Occidente in questi anni ha sbagliato tutto e gli islamici si sono convinti che che il nostro è un mondo debole e conquistabile" e ora contro "il califfato bisogna reagire con un intervento di terra" in cui l'Italia deve partecipare con le sue truppe. Silvio Berlusconi, in una intervista al Messaggero svela il suo piano anti islam. Secondo il Cavaliere in questo momento è necessario "dare un segnale chiaro". Perché se la "manifestazione di Parigi ha certamente un significato simbolico", non bisogna però "rischiare che si trasformi in una melassa buonista che mescoli le responsabilità e inibisca le scelte". Bisogna "escludere dal patto di stabilità le spese per la sicurezza, si avvii immediatamente la costruzione di una forza di reazione militare comune dell'Europa". "Chi vuole vivere tra di noi", sottolinea Berlusconi, "deve accettare senza riserve le nostre regole. E le deve accettare tutte".

L'alleato russo - Contro il terrorismo islamico, inoltre, bisogna rafforzare l'asse con Putin. "La Russia è il nostro alleato naturale contro l'integralismo e la sua minaccia terroristica. Oggi sembra di essere tornati alla guerra fredda. La Federazione russa è un nostro partner nella guerra al terrorismo, quel terrore che ha colpito più volte e dolorosamente anche quella nazione. Mi auguro che i tragici fatti di Parigi possano indurre tutti ad una riflessione su chi siano davvero i nostri nemici". 

Il nazionalismo - "La Le Pen e Salvini danno voce alla paura della gente. Ma la politica deve dare risposte efficaci e su questo verranno giudicati i governi europei. Se non sapranno reagire con fermezza saranno loto a non faare il proprio dovere e a consegnare l'Europa ai diversi estremismi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agosman

    12 Gennaio 2015 - 22:10

    Pensate, uno che si vantava di essere il miglior statista italiano degli ultimi 150 anni, che non è stato capace di opporsi alla guerra contro la Libia, che ha stracciato un trattato vantaggiosissimo con Gheddafy, che si è dimesso per salvare i propri interessi economici, che ha appoggiato, sostenuto e votato tutti i provvedimenti di Monti ed altro ancora ci dice come combattere l'ISIS. Poverino.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    12 Gennaio 2015 - 22:10

    Il povero demente Pregiudicato Puttaniere ora si mette a fare il predicatore ? Non capisce che i suoi deliri non incanatano più nessuno? Bananas, siete stra-fottuti con un mezzo leader così.....

    Report

    Rispondi

  • ferrariothomas

    12 Gennaio 2015 - 21:09

    1 A me sembra che Berlusconi cerchi solo voti con questo tipo di affermazioni mirate come d'altronde tutti i partiti all'opposizione(italiani e non) stanno facendo per guadagnare consensi. 2 Se questa cosa dell'invasione occidentale nei paesi arabi non si controlla si potrebbe finire con un Iraq 2 o peggio e, di conseguenza, aizzare maggiormente l'odio degli estremisti. Attenzione occidente

    Report

    Rispondi

  • Chry

    12 Gennaio 2015 - 20:08

    E vai Silvio dai il buon esempio, vai a liberarli dal terrorismo come ci hai liberato dal comunismo, li ti ammirano, ti seguiranno in molti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog