Cerca

La rilevazione

Sondaggio Ixé: Renzi perde consensi, Napolitano primo

Continua a perdere consensi Matteo Renzi. Per gli italiani non è più il leader di cui fidarsi in assoluto. Secondo la rilevazione di Ixé per la trasmissione Rai Agorà "fiducia nei leader",  a sorpassarlo è il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (che proprio in questi giorni darà il suo addio al Colle). Il premier passa dal 37 al 33% in sette giorni, ma in quattro mesi ha perso in tutto dieci punti. Un calo pauroso se si considera che ai primi di settembre la fiducia era al 50% (-13%). Stabile la fiducia nel leader della Lega Matteo Salvini che, dal mese di settembre ha però guadagnato sette punti. In calo di un punto Beppe Grillo (con un'emorragia di voti pari a sei punti in quattro mesi) e Silvio Berlusconi: entrambi sono fermi al 14%. Angelino Alfano è al 12%, a settembre era al 13%. Ma da questo sondaggio emerge anche un altro dato che fa riflettere: se si andasse a votare oggi, crescerebbe l'astensionismo. Solo il 50,7% andrebbe alle urne (con un calo importante rispetto alla rilevazione del 19 dicembre scorso quando la percentuale era del 58,8%). 

Le forze politiche - Per quanto riguarda i partiti, il Pd registra un calo dello (-0,3%) con il 37,2 resta primo partito nelle intenzioni di voto realizzate dell'Istituto demoscopico Ixé. Secondo il Movimento Cinque Stelle che si ferma al 18,7% e guadagna lo 0,2%. In calo Forza Italia che perde oltre mezzo punto e si attesta al 13,3%. Cresce la Lega Nord di quasi un punto e arriva a un passo dal partito azzurro con un 13%. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    13 Gennaio 2015 - 00:12

    Non andare a votare è da codardi che hanno timore di prendersi le proprie responsabilità.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    12 Gennaio 2015 - 21:09

    Mi domando come Alfano possa essere al 12%!

    Report

    Rispondi

  • lonato47

    12 Gennaio 2015 - 18:06

    Un Matteo chiacchiera l'altro straparla per raccattare il 2-3% in più e licenzia 71 dipendenti della Lega. Messi insieme valgono un decimo dei vecchi Almirante, Craxi, Berlinguer, Moro, ecc. ecc. Abbiamo davanti un grande futuro!!!!

    Report

    Rispondi

    • Estero1

      13 Gennaio 2015 - 07:07

      parole sante !!! al peggio nn c'è mai fine

      Report

      Rispondi

  • buonavolonta

    12 Gennaio 2015 - 18:06

    il motivo è che volenti o nolenti chi crede nel comunismo continua a votarlo con pochi voltafaccia da questo lato i ''rossi'''sono piu seri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog