Cerca

Il discorso del premier

Il discorso di Renzi davanti all'Aula vuota

Il discorso di Renzi davanti all'Aula vuota

 

L'aula dell'europarlamento era, come ha sottolineato Matteo Salvini, vuota. Il premier Matteo Renzi ha fatto un discorso in cui ha espresso dei bellissimi concetti, ma ha parlato molto poco di quello che ha fatto (non aveva molto da dire). "Abbiamo cercato di dare un'anima all'Europa. Per noi l'Europa è libertà". E ancora: "A nostro giudizio stiamo andando nella giusta direzione, ma dobbiamo fare di più. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, a credere nell'investimento sulla flessibilità". Ha poi aggiunto: "O l'Europa cambia o diventiamo fanalino di coda", ha  auspicato una netta inversione di rotta per l'Unione dicendo: "Credo che o l'Europa cambia marcia nell'economia o diventeremo fanalino coda di un mondo che cambia rapidamente". Il premier ha ricordato il Capo dello Stato: "Giorgio Napolitano ha rappresentato anche in questi sei mesi la guida del nostro Paese: Giorgio Napolitano in queste ore lascerà il proprio incarico avendo compiuto un lungo percorso di cambiamento e avendo affrontato le difficoltà in Italia con l'intelligenza e la saggezza". Dall'assemblea plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo è partito un lungo applauso. "L'Europa è una piazza, il luogo dell'Europa non è la fortezza ma la piazza, non il conflitto e lo scontro ma il dialogo e l'incontro". 

L'integrazione e gli attentati in Francia - Renzi parlato dell'importanza dell'integrazione:  "Il contrario di identità non è integrazione ma anonimato. Il contrario di integrazione è disintegrazione, rottura, distruzione. Qualcuno in queste ore arriva a dire che dobbiamo vivere impauriti e rannicchiati, ponendo identità e integrazione in contrasto, ma da italiano e uomo di sinistra dico che non lasceremo mai la parola identità a chi grida più forte perché è una parola bella, che esprime il senso profondo di essere europei: sono fiero delle mie radici". Ha parlato degli attentati in Francia: "i nostri nemici non potendo ucciderci puntano a cambiare il nostro modo di vivere: non possiamo consentirlo a nessuno".

La battuta - Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel suo discorso di chiusura del semestre di presidenza italiana al Parlamento europeo cita Dante Alighieri e l’Ulisse della Divina Commedia. Dopo aver evocato la figura di Telemaco nelll’intervento di apertura dello scorso luglio, Renzi si è rivolto all’Aula di Strasburgo con i versi del poeta fiorentino attribuite a Ulisse. "Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtù e conoscenz"», ha citato il premier, mentre in Aula gli eurodeputati euroscettici, soprattutto leghisti,  continuavano a rumoreggiare."So che per alcuni di voi è difficile leggere più di due libri - ha  detto- ma spero che il Parlamento europeo scelga se vuole vivere come bruti e seguire la demagogia per qualche mezzo punto in più o se seguire la virtù che è rappresentata dall’Europa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giancarlo.penso

    15 Gennaio 2015 - 07:07

    Renzi, cosa hai portato a casa col tuo semestre europeo? Niente, solo parole, parole, con le sole parole ci hai stancato, sei un incapace, tutto fumo e niente arrosto, tiri a campare e incassare i tuoi soldi e darli ai partiti, mentre il popolo muore di fame, vergognati, vai a casa.

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    14 Gennaio 2015 - 10:10

    Egr. Renzi, invece di ostentare, peraltro non serve una laurea per conoscere la Divina Commedia, io che sono ignorante ho 72 anni e soltanto una licenza di avviamento professionale, la Divina Commedia l'ho studiata e non é che me ne devo fare vanto. Avresti dovuto spiegarci cosa hai fatto in Europa per il made in italy e altre cose concrete come chiede Salvini. Purtroppo il tuo saldo é 0. Amen!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    14 Gennaio 2015 - 05:05

    Canto 21 dell'inferno..."del cul facea trombetta"Adesso capisco perchè l'aula era vuota.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    13 Gennaio 2015 - 19:07

    Buffone ciarlatano e Pinocchio come tutti i sinistroidi e i vagabondi del M5S.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog