Cerca

A "Le invasioni barbariche"

Renzi si tradisce: "Il nome per il Colle? Ce lo abbiamo noi"

"Elezione con chi ci sta", "abbiamo tanti nomi in mente", "nessuno mette veti, neanche Pd". Matteo renzi, ospite su La7 de "Le invasioni barbariche" di Daria Bignardi, stende il solito velo di melassa ed ecumenismo sull'elezione del prossimo presidente della Repubblica, nel giorno delle dimissioni ufficiali di Giorgio Naapolitano. Poi, però, non si morde abbastanza la lingua e si lascia scappare un paio di frasette che la dicono lunga su quanto accadrà in Parlamento a fine mese. "Berlusconi dice no? Ce lo eleggiamo da soli" (con buona pace del patto del Nazareno). Ma soprattutto: "Il nome del successore di Napolitano? Ce lo abbiamo noi". Insomma, sarà prendere o lasciare...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    15 Gennaio 2015 - 09:09

    Un bell' affare pensando da chi viene l'affermazione: dal più grande cialtrone d' Italia.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    14 Gennaio 2015 - 23:11

    Se il nome viene fuori da Renzi, ragazzi siamo nella merda !!!!!!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    14 Gennaio 2015 - 23:11

    DI quella trasmissione ne ho visto solo pochi minuti.Poi sono andato a cagare.

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    14 Gennaio 2015 - 22:10

    napolitano si e' lamentato che era una prigione ci e costato 243milioni al'lanno e si lamenta alla faccia degli operai che lavorano in fonderia a 1436 euro al mese come me. napolitano parassita comunista ingrato se avesse almeno fatto un buon lavoro vigliacco

    Report

    Rispondi

blog