Cerca

Allo sbando

Pd, tira aria di scissione. Guerra sull'Italicum, Gotor: "Così non lo votiamo". Matteo Renzi: "Niente ricatti, non siete un partito nel partito"

Pd, tira aria di scissione. Guerra sull'Italicum, Gotor: "Così non lo votiamo". Matteo Renzi: "Niente ricatti, non siete un partito nel partito"

Prima il salva-Cav, poi il caso Cofferati, infine l'Italicum. Ogni giorno la sinistra del Pd sembra avere a disposizione un'occasione buona per far saltare il banco. In altre parole: fare le scarpe a Matteo Renzi, o comunque metterlo in grave difficoltà. "Non ci svendiamo a Berlusconi", ha tuonato il senatore Miguel Gotor, bersaniano di ferro, durante l'assemblea dei dem a Palazzo Madama. Il tema è quello della legge elettorale: "Berlusconi vuole i capolista bloccati perché tanto, arrivando secondo o terzo, eleggerà deputati solo nominati. Ma questa è una svendita non è una trattativa", è l'accusa di Gotor davanti a Renzi. Logico che, su queste basi, sia molto complicato trovare un'intesa interna. "Senza modifiche l'Italicum non lo votiamo", ha avvertito ancora Gotor a nome della minoranza interna. Renzi, per il momento, resta sulle sue posizioni: "O troviamo un accordo o si va a votare con il Consultellum". La decisione finale, ha confermato il premier, sarà presa "entro domani alle 12 (martedì, ndr)". Secondo Gotor a sostenerlo sarebbero in 30 solo nel Pd e "non voteranno l'Italicum se esso dovesse essere respinto in aula". 

 

"Non sono sotto ricatto" - "Non siete un partito nel partito", è la risposta brusca di Renzi ai contestatori interni, intorno all'ora di pranzo. Ma Gotor disotterra l'ascia di guerra: "Se non ci saranno novità, in trenta di noi voteranno l'emendamento" sull'Italicum con le proposte della minoranza (preferenze per tutti i candidati nei collegi e riduzione della quota "nominati"). "Critiche ingiuste e ingenerose", ha bollato Renzi le parole di Gotor, ribadendo che il premier cerca "accordi con tutti fino all'ultimo ma non sono sotto ricatto di nessuno". 

Tutti i motivi della frattura - Logico però che la battaglia, potenzialmente devastante, sulla legge elettorale sia il riflesso di una frattura più profonda, che parte dalla vittoria di Renzi alle primarie per la segreteria nell'autunno 2013. Da allora la scalata del baldanzoso Renzi non ha conosciuto freni, sostenuto da spregiudicatezza politica e abile strategia comunicativa. Il trionfo alle Europee di maggio 2014 ha messo a tacere i dissidenti, costringendoli a mettersi il bavaglio. L'autunno caldo, il calo nei sondaggi (l'ultimo, confermato dai dati Ipsos) il fallimento della manovra e delle politiche finanziarie del governo, il pasticcio clamoroso sul decreto fiscale (il "salva-Cav") e il caos delle primarie liguri con Sergio Cofferati che prima denuncia brogli (favorevoli alla renziana Paita) e poi straccia la tessera del Pd, sono le perle di una collana che sta per stracciarsi. Se sarà scissione (magari per seguire proprio Cofferati, "Tsipras italiano" come già definito dai più entusiasti nella sinistra dura e pura, fuori e dentro il Nazareno), si vedrà forse già nelle prossime ore. Di sicuro, se Renzi supererà l'imboscata dell'Italicum, la prossima patata bollente sarà l'elezione del nuovo presidente della Repubblica, come già annunciato minacciosamente da un altro dissidente Doc, Stefano Fassina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOCAI

    20 Gennaio 2015 - 14:02

    Sarebbe ora che la sinistra del PD facesse veramente la sinistra, da bravi comunisti, e gli altri si accasino con il Nuovo Centro Destra che è di centro-sinistra. Tanto per fare ancor più confusione tra gli elettori che, stanchi di essere presi per il c..o, voteranno a casaccio o non andranno a votare. Valuteremo così quanto forte è il Pinocchio Icaro, volato troppo in alto senza paracadute.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Gennaio 2015 - 11:11

    Il partito senza padroni, si è svegliato scoprendo che di padroni ce ne sono a bizzeffe. Dalle banche, all'alta finanza,da De Benedetti al pinocchietto toscano. L'Italicum è un obbrorio antidemocratico. E' un'offesa alla costituzione e all'inteligenza dei cittadini. Se fosse stato proposto dalla dx oggi avremmo migliaia di pecorelle rosse in piazza. Il tutto votato da un parlamento

    Report

    Rispondi

  • bernardroby

    20 Gennaio 2015 - 05:05

    Trasparenza tutta italiana ! Renzi un infiltrato di destra , in una maggioranza di ultrasinistra ! Berlusconi un capitalista di sinistra , con un partito di destra . Cioè due totem , dalle diverse facce , profezia elettorale la lega primo partito , 5 stelle opposizione , i due totem al circolo a giocare a carte almeno li possono barare tranquillamente !

    Report

    Rispondi

blog