Cerca

La reazione

Antonio Martino: "Io candidato al Colle? Non ne so nulla, mi sembra uno scherzo da prete"

Antonio Martino: "Io candidato al Colle? Non ne so nulla, mi sembra uno scherzo da prete"

A rompere gli indugi è stato Silvio Berlusconi nel corso della riunione con i deputati di Forza Italia. Dopo giorni di voci, indiscrezioni e smentite, il Cav ha fatto il nome che gli azzurri vogliono al Colle: quello di Antonio Martino, uno dei fondatori della prima Forza Italia. "Questo è il nome proposto dai moderati per il Quirinale". Un nome che potrebbe essere stato deciso nel corso dei recenti incontri tra il leader azzurro e l'ex alleato Angelino Alfano. Subito dopo l'annuncio, La Zanzara di Radio24 ha raggiunto il diretto interessato, il "candidato" Martino. Che è caduto dal pero: "Io candidato? Non so nulla, mi sembra uno scherzo da prete". Un singolo commento, tranchant, con cui Martino ha mostrato tutto il suo stupore. Uno stupore che però potrebbe essere soltanto pretattica: da buon candidato, Martino cerca che il suo nome non venga "bruciato" prima del voto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    21 Gennaio 2015 - 21:09

    Scherzo da Prete ? è proprio questo il problema Mafioso che ci minaccia. QUALCUNO, cioè il solito infido e parassita Vaticano, cerca di IMPORRE un presidente ''CATTOLICO'' come se questo fosse di qualche Garanzia per i Cittadini. Sarebbe INVECE un SETTARIO Religioso, come i Settari Lupi, Lorenzin, Madia, Alfano, succubi e gregari di Comunione e Liberazione. BASTA VATICANO NELLA SOCIETA CIVILE

    Report

    Rispondi

  • stefano.arman11

    21 Gennaio 2015 - 19:07

    A me Martino piace...una persona brava.onesta..mai sentito il suo nome negli scandali...speriamo sia eletto.xke dp tre presidenti di sinistra sarebbe ora uno di destra....sarebbe una cosa giusta....speriamo....mahhhh

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    21 Gennaio 2015 - 18:06

    Una brava persona, con una cultura senza pari. Un liberale.

    Report

    Rispondi

blog