Cerca

Due volte min istro

Antonio Martino, il candidato di Silvio per il Quirinale

Antonio Martino, il candidato di Silvio per il Quirinale

Antonio Martino, oggi indicato da Silvio Berlusconi come il candidato del centrodestra per la successione a Giorgio Napolitano, è uno dei nomi storici di Forza Italia e uno dei padri fondatori del partito. Basti pensare che la sua tessera porta il numero "2", dopo quella di Silvio Berlusconi. messinese, 72 anni, con un lungo curriculum accademico nel quale c'è anche la presidenza della Luiss di Roma e con una militanza politica precedente al '94 tra le file del Partito liberale, dopo il trionfo elettorale del '94 Antonio Martino entrò nella squadra di governo del "Berlusconi I" come ministro degli Esteri. Eletto deputato quello stesso anno, è parlamentare ininterrottamente da allora, anche se dopo la caduta del primo governo Berlusconi dovette attendere il 2001 per tornare a palazzo Chigi e andare ad occupare questa volta la casella della Difesa in anni cruciali che videro l'Italia e l'occidente opporsi al terrorismo scatenato da Al Qaeda dopo l'11 settembre e l'intervento del nostro Paese al fianco della coalizione che abbattè il regime di Saddam Hussein in Iraq. Allievo del premio Nobel Milton Friedman a Chicago, è spesso entrato in contrasto col ministro dell'Economia Giulio Tremonti, da lui definito non abbastanza liberale. Nel 2013 ha sostenuto la rinascita di Forza Italia promossa da Berlusconi, nella quale rappresenta il principale esponente dell'area liberale e liberista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • galli46

    27 Gennaio 2015 - 21:09

    siiiiiiii ma siccome martino è un uomo giusto e liberale ....non troppo di parte non lo voteranno mai nè i sinistri nè i sel nè i m5s. che invece sono illiberali

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    22 Gennaio 2015 - 16:04

    Dopo un trentennio finalmente un nome che sarei onorato se fosse mio presidente. Però non mi è chiara la fretta di Berlusconi di farne il nome adesso. Vedremo.

    Report

    Rispondi

  • fiorgio

    22 Gennaio 2015 - 15:03

    Anche per me Martino sarebbe l'ideale, ma ho un brutto presentimento, che vogliano bruciarlo per poi far correre l'impresentabile Casini, più che dinosauro è un fossile che mangia da tantissimi anni sulle spalle degli Italiani.

    Report

    Rispondi

  • grisostomo

    grisostomo

    22 Gennaio 2015 - 10:10

    Martino è un grande uomo, grande intellettuale, grande statista. Meglio di lui non ce n'è. Spero proprio che Berlusconi ci riesca. Sarebbe la promessa di rinascita, alla faccia di chi ci vuol male.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog