Cerca

Il retroscena

Verso il Renzi-bis, dopo l'elezione del Presidente al via il rimpasto: ecco chi farà fuori Matteo

Verso il Renzi-bis, dopo l'elezione del Presidente al via il rimpasto: ecco chi farà fuori Matteo

Per Matteo Renzi la partita per il Quirinale si incrocia a doppio filo con quella del restyling del suo governo. Non solo per "ricompensare" in qualche modo chi lo aiuterà a far salire al Colle il suo presidente in pectore, ma soprattutto per togliersi dai piedi quei ministri il cui operato è a suo dire "insoddisfacente". Nella lista nera, rivela il retroscena di Francesco Verderami sul Corsera, ci sarebbe il ministro all'Istruzione Stefania Giannini. Raccontano i ben informati che non c'è riunione di governo in cui Renzi non le rinfacci i sondaggi da zero virgola di Scelta Civica. Al suo posto, prima che venga presentata la riforma della scuola, ci dovrebbe essere un esponente del Pd.

Il sindaco-ministro - Altro dicastero che balla è quello degli Affari Regionali e delle Autonomie. Il premier ha assicurato al governatore della Calabria "un forte sostegno" e questo sostegno sarebbe proprio il ministro Maria Carmela Lanzetta che dovrebbe entrare nella giunta di Mario Oliverio. Poi c'è il ruolo di Guardasigilli: Andrea Orlando non ci pensa proprio di lasciare e candidarsi alle Regionali in Calabria, ma Renzi avrebbe in mente di sostituirlo con il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che si ha rappresentato la "personale disponibilità".

Padoan al Colle - Il Renzi bis, spiega Verderami, potrebbe avere un'accelerata nel caso il premier riuscisse a piazzare Pier Carlo Padoan sul Colle. Con la poltrona dell'Economia vuota inizierebbe il valzer. E Padoan - nonostante le polemiche sulla norma "salva Berlusconi" nel decreto fiscale - ci crede e ci spera. Lo hanno intuito a via XX settembre, visto come il ministro ha ridotto all'osso le trasferte: "Fatemi restare a Roma in questi giorni...", sorride. E gli altri gli sorridono. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    24 Gennaio 2015 - 17:05

    Pisapia alla Giustizia? Vorrebbe dire che Renzi si è bevuto il cervello.

    Report

    Rispondi

    • alippo

      25 Gennaio 2015 - 01:01

      È una domanda o una certezza?

      Report

      Rispondi

  • filen

    filen

    24 Gennaio 2015 - 13:01

    Pisa chi? Ma quel rincoglionito la è sotto naftalina o in un congelatore che non se ne sente mai parlare

    Report

    Rispondi

  • arwen

    24 Gennaio 2015 - 13:01

    Il che vorrebbe dire che ci aspettano ancora anni di mirabolanti promesse, spacconerie, discorsi melensi intrisi di retorica spicciola e dozzinale ma nessun provvedimento serio. E' ridicolo pensare che le pecorelle rosse votino un tizio che con le leggine del 3% e lo pseudo antiriciclaggio ha, di fatto, autorizzato milionari, banche e quant'altro ad evadere il fisco. Neanche B era giunto a tanto.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    24 Gennaio 2015 - 12:12

    E se fosse proprio Renzi quello che se ne dovrebbe andare con il plauso di tutto il popolo Italiano? Sarebbe la più bella notizia e chissà che gli italiani ritornerebbero finalmente a votare e dare il giusto corso a questa democrazia ormai persa ed a queste istituzioni invase da "saputelli" sinistroidi pericolosi che vanno dallo stesso Renzi, Boldrini a Pisapia e Marino ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog