Cerca

Minaccia

Il consigliere di Tsipras: "Sei mesi di tempo o addio all'Euro"

Il consigliere di Tsipras: "Sei mesi di tempo o addio all'Euro"

La Grecia si è svegliata sotto la bandiera rossa di Syriza. La sinistra di Tsipras ha vinto le elezioni e ora si gioca una partita delicata per ottenere la maggioranza assoluta fissata a 151 seggi per poter governare da sola. Ma Tsipras non dovrà fare i conti solo con i probabili alleati per un governo di coalizione, dovrà fare i conti anche con l'Europa che da ieri sera è in stato d'allerta per la vittoria del partito antiausterity di Tsipras. Pochi minuti dopo la comunicazione dei risultati del voto, la Bundesbank ha subito avvertito il premier in pectore greco: "Gli impegni vanno rispettati, solo così la Grecia potrà ottenere gli aiuti della Troika". Un messaggio chiaro che ha fatto subito lievitare il livello dello scontro. Tsipras ha risposto che quello di ieri sera è stato un voto "contro l'austerità" e che "la Troika è alle spalle, rappresenta il passato". Il prossimo 28 febbraio però scade il programma di aiuti ad Atene da parte della Troika e dunque Tsipras dovrà avere le idee chiare su come impostare la sua partita con Bruxelles e Francoforte.

L'avvertimento - Ma il borsino ellenico fa segnare in ascesa le quotazioni di una politica anti-euro da parte del nuovo governo. Così il consigliere di Tsipras, Costas Lapvistas non usa mezzi termini in un'intervista al Corriere della Sera: "I soldi in arrivo servono solo a pagare gli interessi. Non ce li vogliono dare? Bene noi abbiamo diversi modi per finanziarci fino a giugno-luglio. Poi se la situazione non dovesse risolversi andremo per la nostra strada e addio euro". Una frase che pesa come un macigno e che rischia di surriscaldare la temperatura già alle stelle nelle cancellerie europee. Insomma la Grecia è pronta a tutto e l'Euro questa volta rischia di saltare in aria. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elpidicas

    27 Gennaio 2015 - 23:11

    se l'euro salterà in aria non è certo per il danno prodotto dalla Grecia, che economicamente può essere assorbito con facilità dall'eurogruppo. In seguito dovranno comunque rimodulare l'euro e stare molto più attenti nell'accettare l'ingresso di nuovi richiedenti. La Grecia non andava fatta nemmeno entrare e quelli che erano di quel parere adesso purtroppo hanno ragione.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    27 Gennaio 2015 - 13:01

    Tsipras: "Sei mesi di tempo o addio all'Euro" ... solo minacce NON usciranno mai dall'euro, ma la "minaccia" diretta ai "cattivi" di Bruxelles è quella che il popolo greco vuol sentire e ... Tsipras gliela fa sentire.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    27 Gennaio 2015 - 13:01

    perchè dare sempre la colpa all'euro e non alla corruzione, alle spese inutili - dimenticate gli enormi debiti fatti dalla grecia per le olimpiadi ?- all'evasione fiscale, alla fuga dei capitali all'estero, ecc. ecc. e guardate che la situazione italiana non è , purtroppo, diversa da quella greca. e le difficoltà che incontra renzi per fare le riforme? : le provincie sono ancora lì

    Report

    Rispondi

  • fabrispino

    27 Gennaio 2015 - 12:12

    Non risulta che il popolo voglia rimanere nell'euro. L'Alleanza con un partito di centro-destra (moderato) non è l'estrema destra di Alba Dorada, è necessaria per poter governare con una maggioranza assoluta, soprattutto in caso di decisioni "gravi". E' scontato che l'euro è un FALLIMENTO totale. Sta portando benefici a pochi e nessuno con il risultato che è sotto gli occhi di tutti: DEFLAZIONE.

    Report

    Rispondi

    • bettely1313

      27 Gennaio 2015 - 13:01

      caro signore il 73% cento dei greci vuole rimaner dentro l'euro, con Tsipras sperano solo che lui riesca a convincere la Merkel per dimezzare il debito, minacciando la fuoriuscita dall'Ue. Figuriamoci se questa ci sta.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog