Cerca

Il retroscena

Matteo Renzi e la tentazione delle elezioni anticipate

Matteo Renzi visto da Benny

Ma  che cos'ha in mente Matteo Renzi? In queste ore, certamente il pallottoliere. In queste ore in cui l'elezione del suo candidato alla presidenza della Repubblica è appesa al filo dei voti, il premier è ovviamente concentrato su questo. Ma dietro la scelta di Sergio Mattarella c'è, come scrive Claudio Cerasa su Il Foglio, un segnale molto chiaro: quello di ricompattare il Pd, creare una nuova maggioranza e, perché no, andare al voto. Berlusconi dal suo canto si è irrigidito, accusa Renzi di aver tradito il Patto del Nazareno, ma dall'altra parte Renzi accusa Berlusconi di aver tradito gli accordi. Berlusconi sa però che senza i suoi voti l'elezione di Mattarella è incerta, complicata, e quindi "proverà a far sbattere il segretario del Pd consapevole che un Quirinale senza Cav mette a rischio la legislatura. Con una maggioranza di governo diversa da quella delle riforme, che a sua volta è diversa anche da quella con cui si elegge il presidente della Repubblica". Fatto sta che senza il Patto del Nazareno non si sono le riforme che avevano permesso a Renzi di creare il nuovo Pd, e senza patto del Nazareno la legislatura inizia ad avere le ore contate. Ma forse è proprio quello a cui guarda Renzi: il voto con un partito più forte, ricompattato e senza essere più "ostaggio" né dei voti di Forza Italia né di quelli di Ncd...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maurobell

    30 Gennaio 2015 - 11:11

    capisco che doveva ricompattare,comunque il toscanello ha una strana visione del concetto di condivisione nella scelta.Sceglie lui e deve andar bene a tutti.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    30 Gennaio 2015 - 11:11

    nessuno pensa agli italiani

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    30 Gennaio 2015 - 10:10

    Piano A, piano B, piano rialzato, sottotetto. Renzi fà tutto ciò che vuole e ci piaccia o no, rendiamoci conto che siamo in una simil dittatura. Berlusconi ha perso la bussola. I cittadini contano come il due di picche, altro che popolo sovrano. In tutto questo marasma, l'impressione é che la macchina Italia abbia i freni rotti e si andrà a sbattere tutti quanti appassionatamente e non. Amen

    Report

    Rispondi

blog