Cerca

Disperato?

Quirinale, l'appello di Matteo Renzi: "Massima convergenza su Sergio Mattarella"

Matteo Renzi

I numeri, forse, non ci sono. Sembrava spianata la strada per portare Sergio Mattarella al Colle, ma ora la linea spregiudicata seguita dal premier potrebbe anche ritorcersi contro di lui. Ballano una settantina di voti, e i franchi tiratori già lucidano i loro grilletti. Nel pomeriggio, da un lato Maria Elena Boschi e dall'altro il premier in prima persona hanno pressato con insistenza Angelino Alfano, Ncd e tutti i vertici del partito per strappare un "sì" decisivo. Secondo alcuni rumors, di fronte alle resistenze dei centristi, Beppe Fioroni avrebbe suggerito a Renzi l'idea di un appello pubblico. Un appello che dimostra le difficoltà del premier. Un appello che è puntualmente arrivato, poco prima delle 18.30. "Finite le prime tre votazioni, siamo arrivati al momento chiave. Siamo di fronte alla concreta possibilità che una personalità autorevole e stimata da tutti, un servitore dello Stato come Sergio Mattarella, diventi il presidente della Repubblica con un voto ampio di settori della maggioranza e dell'opposizione parlamentare. Non è una questione che riguarda un solo partito: la scelta del Capo dello Stato - sottolinea Renzi - interpella tutti senza distinzioni". Un appello, dunque, non rivolto soltanto ad Alfano, ma anche (e soprattutto) a Forza Italia e a Silvio Berlusconi. "Per questo - conclude Renzi - auspico che sul nome di Sergio Mattarella si determini la più ampia convergenza possibile per il bene comune dell'Italia". Un appello, quello di Renzi, che potrebbe essere arrivato anche per ristabilire una "questione di etichetta": dopo la forzatura con il nome unico, il premier cerca di "rifarsi la verginità" rivolgendosi a tutti i partiti, compresa quella Forza Italia con cui non ha rispettato quanto previsto dal Patto del Nazareno. La pensa così anche Roberto Formigoni, che dopo l'appello ha spiegato: "Così Renzi ripara all'errore di metodo iniziale, togliendo a Mattarella quell'aura di uomo solo del Pd, senza attenzione agli alleati di governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zhoe248

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    cari italiani di destra, sinistra, centro, nord, sud, est, ovest, da qualunque parte, colore e versante la si vuol guardare c'è poco da fare: in italia siamo oramai alla "grande schifezza" e il popolo ridotto a succubi spettatori, paganti ovviamente!

    Report

    Rispondi

  • antari

    30 Gennaio 2015 - 20:08

    FI votera' scheda bianca (come voleva Fitto) anziche' uscire dall'aula?

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    30 Gennaio 2015 - 19:07

    Mattarella è un figlio d'arte (padre ministro DC)quindi nessuno in famiglia che abbia mai veramente lavorato da generazioni.E' in politica da una vita e non ci si ricorda assolutamente di lui solo dei suoi occhiali da miope.Il fratello ucciso dalla mafia mi fa tanto pensare ad un normale regolamento di conti fra cosche.La...Consulta(sic)..il nulla istituzionale...si ammalassero tutti di Ebola.

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    30 Gennaio 2015 - 19:07

    Per 30 denari (vedi voti sel) ha perso i voti presi dall'area moderata anticomunista. Machiavelli ha fatto flop

    Report

    Rispondi

    • pinodipino

      30 Gennaio 2015 - 19:07

      Machiavelli ve lo ha messo la' dove non batte il sole!!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog