Cerca

toto colle

Quirinale, pressing di Berlusconi su Alfano: 'Non votare Mattarella'

11
Quirinale, pressing di Berlusconi su Alfano: 'Non votare Mattarella'

Silvio Berlusconi tentenna. È consapevole di essere finito in un cul de sac e vorrebbe trovare una scappatoia per uscire dall’impasse. La linea dura, decidendo di uscire dall’Aula domani al momento del quarto scrutinio, quello salvo sorprese definitivo, non è praticabile. Troppo alto il rischio di inimicarsì il nuovo presidente della Repubblica e portare tutto il partito a una posizione di estrema marginalità. Ma anche mantenere la linea della scheda bianca ha le sue insidie, prima fra tutte quella di veder eleggere al Colle Sergio Mattarella anche con i voti dei franchi tiratori azzurri e suggellare così la sconfitta su tutti i fronti, interni ed esterni.

Le telefonate - Il Cavaliere, viene spiegato, è combattuto sul da farsi, secondo alcuni fedelissimi, nel corso della giornata avrebbe anche preso in considerazione l’ipotesi di appoggiare Mattarella. Ma l’ala dura del partito, la stessa che ieri mattina a palazzo Grazioli lo ha convinto a non cedere all’aut aut di Renzi, insiste sul non cambiare di un millimetro le scelte fatte. E a poco è servito, se non a metterlo ancor di più di fronte a un bivio, il pressing di Angelino Alfano, dell’ala trattativista del partito, del pontiere Gianni Letta. Non posso, va ripetendo Berlusconi. Come faccio a tornare sui miei passi e accettare i diktat di Renzi? Ed è su questa linea che il Cav sta impostando la sua strategia. Secondo alcune indiscrezioni Berlusconi avrebbe chiamato più volte Angelino Alfano per convincerlo a non cedere alla tentazione di votare per Mattarella. Alfano doveva incontrare i parlamentari di Area Popolare questa sera alle 21. Ma proprio le telefonate del Cav lo hanno convinto a rinviare il vertice a domani mattina alle 8. Il Cav sarebbe in pressing su Alfano per evitare un "tradimento" da parte di Ncd. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    31 Gennaio 2015 - 10:10

    Mattarella, figlio di politico, fratello di politico, politico lui stesso. 15 anni di legislatura, ministro varie volte, così come il defunto padre. La più chiara espressione della CASTA politica e magnereccia che ha governato questo paese, ormai al suo tramonto, x decenni. Se siamo ridotti così di chi la colpa se nn di questi boiardi che avanzano di padre in figlio? Cosa rappresenta Mattarella?

    Report

    Rispondi

  • cyberjoe

    31 Gennaio 2015 - 09:09

    NCD ancora una volta si manifesta per quel che e' : una banda di "scalda poltrone" inchiodati al loro seggiolino. Se mai ci fosse stato un dubbio ora credo che tutti se lo siano chiariti: alfano, formigoni, lupi, e compagnia cantante sono "gente buona per tutte le stagioni" (nella peggiore accezione dei termini). Chi votera' il Berlusca se avra' il coraggio di portarseli ancora a casa??? Io NO!..

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    31 Gennaio 2015 - 08:08

    mi spiace per te , ma anche stavolta non ti ascoletra- gli preme troppo quella poltrona su cui siede e sa anche che il buffone e"" molto vendicativo quindi glidirebbe abbiamo una maggioranza diversa e tu non servi piu"" cosa che probabilmente gli dira- comunque . si hai sbagliato a fidarti del pagliaccio di firenze ed ha ragione Brunetta quando lo attacca prche"" quello non rispetta nessun accordo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media