Cerca

toto colle

Quirinale, pressing di Berlusconi su Alfano: 'Non votare Mattarella'

Quirinale, pressing di Berlusconi su Alfano: 'Non votare Mattarella'

Silvio Berlusconi tentenna. È consapevole di essere finito in un cul de sac e vorrebbe trovare una scappatoia per uscire dall’impasse. La linea dura, decidendo di uscire dall’Aula domani al momento del quarto scrutinio, quello salvo sorprese definitivo, non è praticabile. Troppo alto il rischio di inimicarsì il nuovo presidente della Repubblica e portare tutto il partito a una posizione di estrema marginalità. Ma anche mantenere la linea della scheda bianca ha le sue insidie, prima fra tutte quella di veder eleggere al Colle Sergio Mattarella anche con i voti dei franchi tiratori azzurri e suggellare così la sconfitta su tutti i fronti, interni ed esterni.

Le telefonate - Il Cavaliere, viene spiegato, è combattuto sul da farsi, secondo alcuni fedelissimi, nel corso della giornata avrebbe anche preso in considerazione l’ipotesi di appoggiare Mattarella. Ma l’ala dura del partito, la stessa che ieri mattina a palazzo Grazioli lo ha convinto a non cedere all’aut aut di Renzi, insiste sul non cambiare di un millimetro le scelte fatte. E a poco è servito, se non a metterlo ancor di più di fronte a un bivio, il pressing di Angelino Alfano, dell’ala trattativista del partito, del pontiere Gianni Letta. Non posso, va ripetendo Berlusconi. Come faccio a tornare sui miei passi e accettare i diktat di Renzi? Ed è su questa linea che il Cav sta impostando la sua strategia. Secondo alcune indiscrezioni Berlusconi avrebbe chiamato più volte Angelino Alfano per convincerlo a non cedere alla tentazione di votare per Mattarella. Alfano doveva incontrare i parlamentari di Area Popolare questa sera alle 21. Ma proprio le telefonate del Cav lo hanno convinto a rinviare il vertice a domani mattina alle 8. Il Cav sarebbe in pressing su Alfano per evitare un "tradimento" da parte di Ncd. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    31 Gennaio 2015 - 10:10

    Mattarella, figlio di politico, fratello di politico, politico lui stesso. 15 anni di legislatura, ministro varie volte, così come il defunto padre. La più chiara espressione della CASTA politica e magnereccia che ha governato questo paese, ormai al suo tramonto, x decenni. Se siamo ridotti così di chi la colpa se nn di questi boiardi che avanzano di padre in figlio? Cosa rappresenta Mattarella?

    Report

    Rispondi

  • cyberjoe

    31 Gennaio 2015 - 09:09

    NCD ancora una volta si manifesta per quel che e' : una banda di "scalda poltrone" inchiodati al loro seggiolino. Se mai ci fosse stato un dubbio ora credo che tutti se lo siano chiariti: alfano, formigoni, lupi, e compagnia cantante sono "gente buona per tutte le stagioni" (nella peggiore accezione dei termini). Chi votera' il Berlusca se avra' il coraggio di portarseli ancora a casa??? Io NO!..

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    31 Gennaio 2015 - 08:08

    mi spiace per te , ma anche stavolta non ti ascoletra- gli preme troppo quella poltrona su cui siede e sa anche che il buffone e"" molto vendicativo quindi glidirebbe abbiamo una maggioranza diversa e tu non servi piu"" cosa che probabilmente gli dira- comunque . si hai sbagliato a fidarti del pagliaccio di firenze ed ha ragione Brunetta quando lo attacca prche"" quello non rispetta nessun accordo

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    31 Gennaio 2015 - 08:08

    Troppo tardi per uscire dal cul de sac dopo essere stato tradito dal dentone alfa hai ancora il coraggio di leccargli il culo ormai non hai più dignità sei relegato ad essere lo zerbino degli altri partiti e salvini ti farà le scarpe come è giusto che sia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog