Cerca

Verso il nuovo Presidente

Alfano e Berlusconi divisi da Mattarella, uniti per l'alleanza

Alfano e Berlusconi divisi da Mattarella, uniti per l'alleanza

Nella mattinata di sabato 31 gennaio, arriva la decisione ufficiale: Ncd voterà per Mattarella. Un sì che in realtà è un "ni": perché Alfano contesta a Renzi il metodo con cui è arrivato a questo nome. E si apre una crepa nell'asse tra Ncs e Pd, nell'alleanza di governo. L'elezione del presidente della Repubblica, certo. Ma dietro la scelta del nuovo presidente ci sono in gioco anche i nuovi equilibri politici e governativo. In gioco c'è quello che resta dell'intesa di governo tra Renzi e Alfano. Sì perché alla fine Angelino Alfano, in quanto ministro dell'Interno,  voterà il candidato che il premier ha imposto al suo ex alleato Silvio Berlusconi. Sarà inevitabilmente con Renzi per l'elezione di Sergio Mattarella, ma domani sarà con Berlusconi e si ricomincerà a parlare di ricompattare il centrodestra. Una scelta quasi obbligata quella di Angelino Alfano che si è allineato alla scelta della maggioranza, ma Renzi in qualche modo "pagherà" per questo.

Il progetto - Silvio e Angelino non hanno altra strada se non quella di tornare insieme. Come scrive Francesco Verderami sul Corriere della Sera nelle "conversazioni sempre più frequenti tra l'ex Cavaliere e il suo ex delfino si va stabilendo un rapporto che consente a entrambi di non soccombere dinnanzi all'attuale strapotere renziano". Insomma, per il Quirinale Silvio e Angelino si dividono perché sanno di non poter fare diversamente. Scegliendo come candidato Mattarella, Renzi è riuscito a separare ancora una volta Berlusconi da Alfano ma proprio questa mossa ha per Matteo anche un effetto collaterale non da poco: quello di contribuire alla ricomposizione del centrodestra. D'altronde Alfano l'ha detto chiaramente: "Dobbiamo lavorare alla costruzione di un nucleo moderato. Potremmo così tornare a calamitare quel voto che - dopo essere stato attratto da Renzi - inizia nei sondaggi a dare i primi segni di delusione". Insomma, la partita per il Quirinale ha aperto una anche una partita per il governo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    02 Febbraio 2015 - 19:07

    Se questi due vermi traditori si rimettono assieme , Forza Italia sparirà completamente. Uno più inaffidabile e bugiardo dell'altro. Vi immaginate un elettore di destra che dà il voto a questi Gianni e Pinotto? Sono entrambi leccapiedi di Renzi. Dareste voi il voto al padre di "mare nostrum", La più grande sciagura dal dopoguerra? Rivotereste chi ci ha presi per il culo per 20 anni? NOOOOO!!!!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    01 Febbraio 2015 - 12:12

    Se Fi aspetta ancora il mio voto, aspetti e speri!

    Report

    Rispondi

  • natalinogiarrocco

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    Noi elettori di forza italia non ti vogliamo, tu devi fare la fine di fini

    Report

    Rispondi

  • natalinogiarrocco

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    Noi elettori di forza italia non ti vogliamo, tu devi fare la fine di fini

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog