Cerca

La scelta

Ndc, nervi tesissimi: Sacconi si dimette

Ndc, nervi tesissimi: Sacconi si dimette

Sono cominciate alle nove e trenta in punto le quarte votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica. L’elezione di Sergio Mattarella, salvo colpi di scena, pare scontata dopo che in mattinata Angelino Alfano ha annunciato che Ncd avrebbe sostenuto il candidato del premier. Una scelta non facile, a c ui il ministro dell’Interno è arrivato dopo l’appello di Matteo Renzi il quale gli ha fatto notare come, da ministro dell’Interno, non avrebbe potuto astenersi dalla votazione per il Colle. Una scelte che ha spinto Alfano ad allontanarsi dalla posizione di Silvio Berlusconi e di Forza Italia che voterà scheda bianca. Ma che avrà ripercussioni sugli equilibri del governo.


Tensione dentro Ncd - Intanto la decisione di far convergere i voti su Sergio Mattarella ha alzato la tensione già altissima dentro Ncd. Oltre al voto in dissenso manifestato dalla portavoce del partito Barbara Saltamartini, anche il senatore Maurizio Sacconi avrebbe espresso i suoi forti malumori. Tant’è che in queste ore si parla di sue possibili dimissioni da capogruppo a Palazzo Madama di. - Il capogruppo Ncd Maurizio Sacconi sarebbe orientato a rassegnare le sue dimissioni. È quanto si apprende da fonti parlamentari. “Faremo di tutto per evitarlo, è il commento che si raccoglie tra le fila del Nuovo Centrodestra. Il capogruppo a palazzo Madama del Nuovo Centrodestra stamattina non ha partecipato alla riunione di Area Popolare e secondo quanto si apprende avrebbe condiviso nei giorni scorsi la linea del partito di orientarsi verso la scheda bianca. Ho deciso di votare scheda bianca, contrariamente a quanto farà il mio partito, per rispetto che ho delle Istituzioni soprattutto nel momento dell’elezione del Presidente della Repubblica»". Così il deputato di Ncd Barbara Saltamartini che si è dimessa da portavoce. “ll mio dissenso non è assolutamente sul nome di Sergio Mattarella, che mi auguro possa essere un Presidente al di sopra delle parti, quanto - prosegue - perché ritengo del tutto errato il metodo con cui si è arrivati a questa scelta»”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudiotortora

    01 Febbraio 2015 - 13:01

    alfano un quaquaquaquaquaqua il dito va da solo sui tasti qua.......qua non c,e bisogno di toccarli sono bloccati

    Report

    Rispondi

  • flixcan

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    Mi sia concesso un dissenso netto nei confronti di una figura di infimo ordine come Alfano, degno del più squallido ruolo di cortigiano ruffiano, ipocrita e traditore (pure di se stesso): un vero stronzo... Questo é quanto il Paese pensa di lui. Fallito, anche come uomo !

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    Alafano, pur di mantenere la poltrona non so cosa farebbe.... Sei una nullità!

    Report

    Rispondi

  • IlSupervisore

    31 Gennaio 2015 - 15:03

    Alfano si è dimostrato il classico vigliacco che per non perdere la poltrona cala le braghe e mutande e si mette a 90 gradi...e lo sbruffone di firenze gode...Mi auguro faccia la fine di fini, è quello che merita. Certo che il nano di arcore se li cerca proprio con il lanternino!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog