Cerca

L'insediamento

Sergio Mattarella, il discorso per l'insediamento

Sergio Mattarella, il discorso per l'insediamento

Confermando tutte le previsioni, il discorso di giuramento del neo presidente della Repubblica dovrebbe durare al massimo una trentina di minuti. Lo avrebbe confermato lo stesso Sergio Mattarella ai suoi amici/collaboratori che insieme a lui stanno lavorando al discorso. Europa, lavoro, riforme "nel solco tracciato  dai due predecessori al quirinale Giorgio napolitano e Carlo Azeglio Ciampi, poi l'unità nazionale e crisi economica. Il cuore del discorso riguarderà il rinnovamento. Le riforme, dunque esattamente come aveva detto Napolitano. Riforme che lui farà nel rispetto dello spirito della Costituzione e per renderla anzi più aderente al paese. Un discorso da esperto di diritto attento però ai problemi degli italiani. Toccherà i temi della lontananza della politica dal Paese, invitando quindi i partiti ad un’opera di ricongiungimento. Poi un passaggio dedicato alle difficoltà che gli italiani stanno attraversando in questo momento. In serata invece il presidente sarà in Corte costituzionale per l’addio ai giudici. In questa occasione, privata e lontano dai giornalisti, Mattarella pronuncerà la formula delle dimissioni "a seguito dell’elezione a presidente della Repubblica". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    03 Febbraio 2015 - 09:09

    Potrebbe risparmiarci il solito concione tipico dei politici di lungo corso. Avrebbe la gratitudine dei cittadini ed il rammarico dei sudditi.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    02 Febbraio 2015 - 16:04

    ....dirà buona Pasqua.....e queste sono le uova !

    Report

    Rispondi

  • arwen

    02 Febbraio 2015 - 15:03

    Bla,bla...il momento difficile...bla, bla, i valori della Costituzione, bla, bla....la solidarietà, bla,bla...tutti insieme per farcela...bla, bla, il paese ce la può fare, bla, bla...sacrifici utili, bla, bla, un saluto reverente al mio predecessore, bla,bla,bla e altre banalità di rito. Questa elezione rappresenta il culmine della casta che ormai si è svincolata completamente dall'elettorato!

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      02 Febbraio 2015 - 19:07

      Esattamente, arwen. Ci ha anticipato già tutto, dica al Mattarella che non si preoccupi del discorso. Potrebbe invece raccontarci la storiella del muto che raccontava al sordo che il cieco aveva visto lo zoppo correre come una freccia...sarebbe anche più più divertente. Benché cercare il divertimento con un tipo come Mattarella...

      Report

      Rispondi

  • mich123

    02 Febbraio 2015 - 14:02

    E se ci fossimo sbagliati su De Mita? Forza, correggiamo le macchine da scrivere: la p ridiventa b e la t ridiventa d.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog