Cerca

Boom

Forza Italia, la svolta: "Il Patto del Nazareno è rotto"

Forza Italia, la svolta: "Il Patto del Nazareno è rotto"

Fine dei giochi: il patto del Nazareno è rotto. L'intesa siglata tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi è giunta al capolinea. Il Patto è finito sul banco degli imputati nel corso del tesissimo ufficio di presidenza "ristretto" che si è tenuto a Palazzo Grazioli. I vertici di Forza Italia hanno duramente criticato le posizioni assunte da Renzi nel corso della corsa quirinalizia che ha portato all'elezione di Sergio Mattarella. Posizioni, quelle del premier, che hanno portato alla rottura: "E' stato Renzi a disattendere la parola data, ad assumere un metodo non corretto e a non rispettare il Patto".

L'annuncio - Dunque, nel corso della riunione, è stato Giovanni Toti ad annunciare che "il Patto del Nazareno così come lo avevamo interpretato fino ad oggi noi lo riteniamo rotto". Una posizione che l'europarlamentare aveva già anticipato in un'intervista di poche ore prima a Maurizio Belpietro. "Il governo - ha aggiunto - ha già detto con grande chiarezza che proseguirà sul cammino delle riforme, ma noi non ci sentiamo legati a condividere la strada perché prevedeva un presupposto fondamentale, che era: sulle istituzioni si sceglie insieme e dunque anche sul capo dello Stato".

"Meglio così" - La prima replica da parte del Pd è arrivata dalla vicesegretaria Debora Serracchiani, che in una nota ha scritto: "Se il patto del Nazareno è finito, meglio così". Nel vertice a Palazzo Grazioli, però, non si è parlato soltanto del Patto, ma anche - e soprattutto - del partito. Nel corso del tesissimo summit, Renato Brunetta e Paolo Romani hanno presentato le loro dimissioni, ma Silvio Berlusconi le ha respinte, riconfermando i vertici del partito (nonostante i durissimi attacchi di Raffaele Fitto).

"Stima per Mattarella, ma..." -Nel dettaglio, un comunicato diffuso da Forza Italia al termine della riunione, spiega: "Denunciamo il metodo scelto dal Partito democratico per arrivare alla designazione del candidato Presidente". E ancora: "La stima e il rispetto, umano e politico, per la persona designata, non possono farci velo nel giudicare inaccettabili le modalità adottate nella trattativa tra le forze politiche dal partito di maggioranza relativa. Modalità che hanno sconfessato quel principio di condivisione delle scelte istituzionali, elemento fondante del patto sulle riforme da noi sempre onorato".

Passo indietro - "La decisione di procedere unilateralmente - si legge ancora nel comunicato - all’indicazione della più alta carica dello Stato in un momento tanto delicato per le nostre istituzioni, interessate dal più vasto cambiamento dall’approvazione della Costituzione Repubblicana, costringe il nostro movimento politico a denunciare lo spirito e i presupposti degli accordi che hanno fin qui guidato il cammino delle  riforme approvate insieme al Partito Democratico e alle altre forze di maggioranza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nordest

    05 Febbraio 2015 - 09:09

    Berlusconi sei stato preso in giro in tutte le salse da un cialtrone e clown di un Renzi se non ti allontani velocemente di te non restera nulla

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    05 Febbraio 2015 - 08:08

    Era ora! Fi deve stare all'opposizione!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    05 Febbraio 2015 - 01:01

    macche' tadimenti. la verita' e' che tanti grillini scemi ora sono nel PD e Renzi fa benissimo a guardare a loro e fare finta di fare le riforme che non le fa mai e tenere contenti i burocrati statali. Comunque sempre meglio i grillini scemi dei raggi cosmici che i ruffiani traditori come alfano e gli altri, attaccati ai posti che non li schiodi neanche con figure di mmer$a come l'ultima.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    05 Febbraio 2015 - 00:12

    I comunisti governano col bugiardo Renzi ? Certo, non è un bene per il Paese, dato che il muro di Berlino lo credavamo morto, ma visto che gli Italiani ancora li votano, che se le facciano da soli le riforme e si assumano una volta tanto le loro responsabilità ! Così quando ci affameranno, non potranno più attribuire le colpe agli altri, così come son soliti fare questi manigoldi....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog