Cerca

Le dichiarazioni

Kyenge, il resoconto della seduta della Giunta che ha salvato Calderoli

Kyenge, il resoconto della seduta della Giunta che ha salvato Calderoli

La giunta del Senato il 4 febbraio ha negato l'autorizzazione a procedere contro Roberto Calderoli ritenenendo a maggioranza, che dare dell'orango all'ex ministro per l'Integrazione Cécile Kyenge non sia da condannare in quanto si tratta della manifestazione di un giudizio politico. Il Fatto Quotidiano in edicola oggi, sabato 7 febbraio, pubblica il resoconto della seduta. Con gli interventi dei diversi politici che hanno "salvato" Calderoli negando l'autorizzazione a procedere. Eccone alcuni: 

Bipartisan Il relatore, Vito Crimi (M5S) prospetta l' opportunità che la Giunta deliberi di proporre all' Assemblea la declaratoria di sindacabilità (...) non rientrando le opinioni espresse dal senatore Calderoli nell' ambito delle prerogative tutelate dall' articolo 68, primo comma, della Costituzione. Carlo Giovanardi (Ncd-Udc) rileva che le opinioni espresse nel caso di specie dal senatore Calderoli vanno inquadrate in un contesto meramente politico, avulso da qualsivoglia profilo di tipo giudiziario. E ancora: "Nella storia politica italiana sono ravvisabili numerosi casi nei quali sono state espresse critiche, anche attraverso locuzioni aspre, rispetto ad avversari politici e ciò non ha mai determinato alcun risvolto sul piano processuale penale. Rileva poi che la Lega ha nel proprio ambito sindaci e amministratori locali di colore e conseguentemente l' accusa di razzismo nel caso di specie è del tutto priva di fondamento. Per quanto riguarda Forxa Italia, parla Lucio Malan che sostiene come nell'ambito di un comizio politico, Caldferloli "abbia svolto delle critiche rispetto agli indirizzi politici per le immigrazioni seguiti dal ministro Kyenge, effettuando altresì talune battute a scopo satirico. Nel caso di specie non vi è stata nessuna offesa personale, visto che l' interessata non ha presentato querela". Non è diversa la posizione del Pd che, con Claudio Moscardelli (Pd) evidenzia che le accuse relative alle incitazioni all' odio razziale risultano infondate, atteso il contesto politico nel quale le frasi in questione sono state pronunciate e attesa anche la configurazione del movimento della Lega, nel cui ambito operano anche diverse persone di colore.  Giuseppe Cucca (Pd) precisa che "le parole pronunciate dal senatore Calderoli vanno valutate nell' ambito di un particolare contesto di critica politica, evidenziando altresì che spesso nella satira si paragonano persone ad animali, senza che tali circostanze diano luogo a fattispecie criminose.d)."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • steccarm

    16 Settembre 2015 - 13:01

    ma cosa ce ne facciamo di un cesso nero in italia

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    16 Settembre 2015 - 13:01

    Che perdita di tempo .... per una che e' approdata in politica non si sa' come ....

    Report

    Rispondi

  • afadri

    08 Febbraio 2015 - 09:09

    Cécile Kyenge ...anche questa qui dobbiamo mantenere. ForzaItalia.!!!!! E intanto i nostri pensionati non riescono a vivere con 500€ al mese.! Una schifezza.!

    Report

    Rispondi

  • peogigi

    08 Febbraio 2015 - 09:09

    basta gli viene data troppa importanza a questa signora. dimentichiamola è stata una spiacevole parentesi nella storia Italiana.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog