Cerca

Rompere o no?

Silvio Berlusconi contro Renzi: dal "cerchio rosa" a Mediaset, cosa c'è dietro l'ultimo affondo

Silvio Berlusconi contro Renzi: dal "cerchio rosa" a Mediaset, cosa c'è dietro l'ultimo affondo

Quattro ore di faccia a faccia con i fedelissimi, che qualcuno ha già ribattezzato "il cerchio rosa" per l'alto numero di esponenti femminili. L'amarezza per il "sacrificio" non riconosciuto da Matteo Renzi e la decisione di calpestare il Patto del Nazareno, nel segno di una "deriva autoritaria". In questo clima Silvio Berlusconi sabato pomeriggio ad Arcore ha deciso di andare davanti alle telecamere del Tg5 per rilasciare un messaggio durissimo contro Renzi e il Pd. Uno strappo accolto con la solita ironia da Palazzo Chigi e dal Pd: "Parole che fanno ridere", sarebbe stato il commento di Renzi ("commovente", l'ha definito Debora Serracchiani, mentre il dem Ernesto Carbone va giù ancora più pesante: "La famiglia stia vicina al Cavaliere").

Segnale ai falchi - Alla vigilia di una settimana importante, con in cantiere l'approvazione definitiva alla Camera della riforma del Senato primo vero banco di prova per il governo (i numeri ci sono anche senza Forza Italia, ma occorrerà contare la fronda dem), ora la domanda è una sola: la rottura è definitiva? Su Repubblica l'accento viene posto sulle flebili aperture di qualche azzurro ("Se il governo è pronto ad ascoltarci, trattiamo"), ma la verità è che in ballo c'è molto altro. Innanzitutto, l'uscita pubblica di Berlusconi va letta anche come un segnale ai "falchi" del suo partito, da Raffaele Fitto ad Augusto Minzolini, da tempo ormai insofferenti verso il Patto del Nazareno.

I "sostituti" di Verdini e Letta - Qualcuno legge le parole del Cav anche come una sorta di siluramento a Denis Verdini e Gianni Letta. Se ci sarà un riavvicinamento a Renzi, spiegano ambienti vicini ai fedelissimi dell'ex premier, non sarà attraverso i due mediatori storici. Maria Rosaria Rossi e Deborah Bergamini sarebbero, invece, i nuovi "sherpa" designati. Non a caso sono proprio loro due membri del "cerchio rosa" cui si accennava.

Da Mediaset al "salva-Silvio" - Ma al di là dell'elezione al Quirinale di Sergio Mattarella e di tutti i vizi possibili delle riforme, a Berlusconi non è andato giù (eufemismo) il blitz del Pd con la mazzata su Mediaset. Paradossalmente, però, sono proprio i consiglieri di Berlusconi più legati alle imprese di famiglia (da Fedele Confalonieri a Ennio Doris, fino alla figlia Marina) a cercare di ricucire ed evitare che l'asse tra Matteo e Silvio si perda. La sensazione è che tutto si risolverà, in un senso o nell'altro, nel giro di un paio di settimane. Perché il 20 febbraio, è bene ricordarlo, si tornerà a parlare in CdM della delega fiscale, la cosiddetta salva-Berlusconi. Renzi finora ha sempre difeso la ratio dello sconto sotto il 3% di evasione fiscale sul totale imponibile. Continuerà a farlo?

di Claudio Brigliadori
@piadinamilanese

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • neottolemo

    10 Febbraio 2015 - 16:04

    2 commento: E senza seguaci Silvio non serve a nessuno, ma opta per ritornare all'opposizione sicuramente verrà punito proprio nelle sue Aziende. Senza dubbio si trova in un bel dilemma. Comunque decida ne uscirà danneggiato politicamente o economicamente. A lui la scelta con i migliori auguri.

    Report

    Rispondi

  • neottolemo

    10 Febbraio 2015 - 16:04

    Povero Silvio,è vero che è stato sempre perseguitato ma certamente ha fatto sempre di tutto e di più per rendersi indifendibile. Ora con FI nel caos e ridotta ai minimi termini si trova in una situazione molto ambigua. Ancora una volta il suo interesse di politico si scontra con quello personale per le proprie Aziende. Il guaio è che se resta fedele al patto del Nazareno molti dei suoi lo lasciano

    Report

    Rispondi

  • martinuccienrico

    09 Febbraio 2015 - 12:12

    Il Partito di Berlusconi manca di democrazia interna ...non si può passare da un personaggio all'altro e dare fiducia a seconda dell'umore del Capo. Quando si è fidato di Verdini la maggioranza dei Toscani si è allontanata da Forza Italia, poi passa da una Signora all'altra senza motivi se non casuali.....Farebbe meglio a ritirarsi con dignità.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    08 Febbraio 2015 - 19:07

    Senilità crescente. Cervello anacquante.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog