Cerca

Il ruggito

Bossi: Se Maroni non vince in Lombardia si cambia

Il Senatùr: "In Lombardia Bobo si imporrà, ma in caso contrario il Carroccio deve cambiare pelle". Poi sul programma: "Ci staccheremo dallo Stato centrale"

Umberto Bossi

Umberto Bossi

L'ex segretario Umberto Bossi, nelle retrovie, non ci vuole restare. E così il vecchio leone, in un'intervista concessa a Repubblica, spiega che "i bossiano non mollano mai", e poi manda un messaggio, chiaro, al suo successore, Roberto Maroni. Prima la premessa: "Credo che vincerà le elezioni in Lombardia. Nell'ultimo sondaggio è in testa. A questo giro possiamo davvero cambiare la storia". Poi, però, il monito. Caro Senatùr, se Bobo non vince che succede? "Maroni - spiega Bossi - è il segretario federale. Se sbaglia si cambia. In Lega si può sempre cambiare, siamo tutti utili e nessuno è inamovibile". Un messaggio chiaro: o vinci, o il tuo futuro da leader del Carroccio è tutto da discutere.

"Ci stacchiamo dallo Stato centrale" - Per quel che riguarda il programma, in caso di vittoria, Bossi spiega: "Ci stacchiamo dallo Stato centrale, quello che munge le mammelle del Nord. Basta, andiamo per conto nostro: senza più minacce o secessioni. Adesso c'è una legge europea che ce lo permette. Maroni è stato intelligente, ha portato avanti il mio vecchio progetto della macroregione europea". E ancora: "Vinciamo anche in Lombardia, prendiamo il Nord e lo agganciamo ad altre regioni della bassa Europa, i cantoni Svizzeri, la Francia meridionale. I soldi resteranno qui. È quello che ci chiedono i cittadini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    04 Febbraio 2013 - 09:09

    forse vuole riproporre Renzo l'Onesto?

    Report

    Rispondi

  • stevenson 46

    03 Febbraio 2013 - 19:07

    Maroni ha detto in più di una intervista che qualunque sarà il risultato delle elezioni regionali della Lombardia lascerà la carica di segretario federale della Lega Nord. Perché se vincerà non ne avrà il tempo e un'eventuale (anche se improbabile) sconfitta sarebbe una sconfessione della sua linea politica (come avviene in tutti i Paesi normali da Zapatero a Sarkosy a Romney etc.). E allora caro Bossi non si faccia strumentalizzare da giornalisti che vogliono solo seminare zizzania nel campo avversario.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    03 Febbraio 2013 - 14:02

    E non capisco chi, a destra, al centro ed a sinistra, lo abbia spesso elogiato come abile politico e grande stratega. Di che? Tuttavia l'idea del Nord staccato dal resto d'Italia, appartiene alla quasi totalità degli abitanti delle regioni di cui si tratta. Se fosse indetto un referendum in queste regioni, la maggioranza voterebbe per il distacco dal resto dello stivale. Vi è inoltre una considerazione di tipo sociologico da fare: gli abitanti del nord di qualsiasi stato sono generalmente più in sintonia con quelli del nord degli altri stati limitrofi, piuttosto che con quelli del sud di detti stati, ovvero del sud del proprio territorio. Ma con una grande differenza: sono sicuramente più apprezzati quelli a sud degli altri stati, che non quelli al sud del proprio. Chiedete ad un piemontese, ad un lombardo, ad un veneto.trentino-friulano con chi andrebbe più d'accordo, senza offesa per alcuno, s'intende, se con svizzeri ed austriaci, o con ...

    Report

    Rispondi

  • beniamino

    03 Febbraio 2013 - 13:01

    Il caro ormai estinto bossi farebbe meglio chiudere la bocaccia e non dire stronzate; tutti i fallimenti che ha fatto lui, bossi, lo avrebbero buttato fuori già dal 1995..poi è stato un continuo disastro; è rimasto in auge con il taglio delle teste pensanti e gestendo in modo dittatoriale il movimento..se vada in un pensionato per non autosufficenti!!

    Report

    Rispondi

blog