Cerca

Anche lui

Per diventare leader al piccolo Raffaele Fitto manca il quid

Per diventare leader al piccolo Raffaele Fitto manca il quid

Bisogna dire un’eresia, che nemmeno Raffaele Fitto ha osato. Come ha dimostrato Renzi, una leadership politica inevitabilmente si afferma in contrapposizione con chi c’era. Non è una questione personale, ma di linea politica. C’era attesa per la convention dei «ricostruttori» partiti dalla Puglia. Fra gli astanti qualche amministratore locale, desideroso di capire quel che ha in mente Fitto, e un po’ preoccupato per quel che sta accadendo in loco, col partito commissariato per dispetto.

Un signore anziano sventolava la bandiera di Forza Italia e tirava gli applausi al leader. Avvicinato da Libero tv ha rivendicato: «Sono nato fascista, e morirò fascista!». Ma questa è Forza Italia... «Eh, c’è quello che passa il convento del centrodestra... E quel che passa in Puglia è Fitto». Insomma, non era il pubblico in sala a dire qualcosa della convention. L’attesa era per lui, il leader della possibile svolta. Fitto ha detto cose di buon senso. Ha perfino fatto proiettare un video con i modelli di riferimento: la Thatcher, Reagan, la Fallaci. Nessuno più in vita. Poi ha fatto vedere i modelli dell’Italia che vince: Mennea a Città del Messico ’79, Tardelli nella finale mundial ’82. Esempi un po’ passatelli.

Finalmente si è arrivati all’oggi: le esecuzioni dell’Isis, le immagini del cecchino di American Sniper, che ha nel mirino una donna e un bimbo forse kamikaze. Sparo o no? Il video di Fitto spiega che questo è il tempo delle scelte. Ma per non turbare il pubblico ferma le immagini. Nel film il cecchino spara. In sala no. È il limite del ricostruttore: vorrei ma non posso. Il filo conduttore del discorso di ieri: Forza Italia ha sbagliato tutto nell’ultimo anno. Ma Berlusconi è il leader riconosciuto, se ha sbagliato è nel fidarsi delle persone vicine. Ecco il punto: non si diventa leader politici se il tuo obiettivo è sostituire un Verdini, una Maria Rosaria Rossi, un Paolo Romani. Messa così, quella in Forza Italia è una faida fra colonnelli. E non vale la pena palpitare per così poco...

Fosca Bincher

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alfa553

    23 Febbraio 2015 - 09:09

    Ma non scrivere cazzate per favore,ed io a leggere queste stupidaggini,arricchisciti in altra maniera.

    Report

    Rispondi

  • vittoriomazzucato

    23 Febbraio 2015 - 08:08

    Sono Luca. E' il classico ex DC e anche stupido. GRAZIE.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    23 Febbraio 2015 - 02:02

    ad ogni errore di Berlusconi si trova la scusa che sia colpa di qualcun altro, anche il più imbecille dei bananas si è rotto con ste prese per il culo, e poi vi lamentate che siete sotto il 10%, soluzione semplice, Berlusconi a casa! questo invece di governare non aspettava altro che l'ora di cena ad Arcore, con l mignotte, ecco chi è il vostro caro leader

    Report

    Rispondi

  • Chry

    22 Febbraio 2015 - 23:11

    il quid??? quello che ha Alfano??? allora Alfano è il leader del centrodestra

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog