Cerca

La rilevazione del lunedì sera

Sondaggio Emg per TgLa7, Forza Italia in ascesa, su anche il Movimento 5 Stelle. Male la Lega Nord

Sondaggio Emg per TgLa7, Forza Italia in ascesa, su anche il Movimento 5 Stelle. Male la Lega Nord

Forza Italia morta e sepolta? Non proprio. Secondo giro e secondo regalo per Silvio Berlusconi. Dopo il sondaggio Ixè per Agorà che dava gli azzurri in ascesa in seguito alla rottura del Patto del Nazareno, una seconda conferma arriva dal TgLa7 di Enrico Mentana, che presenta la rilevazione Emg. Forza Italia viene data in ascesa di 0,4%, un'accelerazione che non conosce nessun altro partito: passa così al 12,4 per cento. In testa e in fuga solitaria resta sempre il Pd, accreditato del 37,1% dei consensi (in crescita dello 0,1%).

Gli altri partiti - A sinistra Sel resta immobile, inchiodata al 4,1%, mentre gli altri partiti di una ipotetica coalizione, in trust, raccolgono appena l'1,3% (in crescita di uno 0,1%). Nel centrodestra, per Mentana la Lega Nord registra una brusca frenata, passando dal 15,5% al 15,1%, in calo di 0,4 punti percentuali. Ulteriore flessione anche per Ncd e Udc, in calo dello 0,2% al 3% tondo tondo. Stabile Fratelli d'Italia-An al 3,8%, in netta crescita il Movimento 5 Stelle (sale dello 0,3% al 20,1%) mentre gli altri partiti, in calo dello 0,3%, valgono tre punti percentuali. Il totale di ipotetiche coalizioni resta a vantaggio del centrosinistra, in crescita dello 0,2% al 42,6 per cento. Staccato il centrodestra, in calo dello 0,2% e al 34,3 per cento. Per Emg, gli indecisi sono pari al 17,9% (in calo dello 0,1%), il 2,2% voterà scheda bianca mentre l'astensione cresce di un ulteriore 1,3%, arrivando alla quota monstre del 42,6 per cento.

Fiducia nei leader - Per quel che riguarda la fiducia nei leader resta in testa sempre Sergio Mattarella, al 49% e in crescita di 1 punto percentuale. Matteo Renzi, al contrario, perde 1 punto e scende al 33%; un punto in meno anche per Matteo Salvini, che cala al 22 per cento. Alta e stabile al 16% la fiducia per Giorgia Meloni, come è al 16% (in crescita di 1 punto) per Silvio Berlusconi. Stabili, infine, Beppe Grillo, Angelino Alfano e Nichi Vendola, rispettivamente al 14, al 12 e al 10 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • locatelli

    26 Febbraio 2015 - 17:05

    questo sondaggio se lo faceva topo gigio avrebbe fatto di sicuro meglio grillo al 21%fara fatica ad arrivare al 10%

    Report

    Rispondi

  • amiantodi

    26 Febbraio 2015 - 14:02

    Mi correggo la lega no perchè quel bravo ragazzo di Cota in piemonte ha fatto tutto quello che avrebbe fatto chiunque altro di dx, ha tenuto nei posti cardine della regione piemonte uomini di sx si è fatto raggirare da pivello e dopo se lo sono in......... Resto dell'idea del partito della fregna , premetto che ho un profondo rispetto per le donne. è un partito anche partito automobilisti

    Report

    Rispondi

  • amiantodi

    26 Febbraio 2015 - 13:01

    Sono schifato, se voti a destra quei quattro rammolliti o pregiudicati di dx mantengono ai vertici figure chiaramente di sx, quelli di sx continuano a dettare legge trattenendo per le palle quei mercenari che continuano a leccare il culo a Berlusconi. alle prossime elezioni voto il partito della fregna almeno hanno qualcosa nella testa invece di pensare al portafoglio. La lega è una idea

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    24 Febbraio 2015 - 11:11

    Ma fatemi il favore di non sparare cavolate, Forza Italia è nella melma e lo sappiamo tutti altro che aumento. La Lega di Salvini sappiamo che è già oltre il 20% nessuno deve dirlo altrimenti aumenterebbe ancora, i giornalisti sanno bene come manipolare i sondaggi a proprio piacimento.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog