Cerca

Incongruenze

Roma vietata ai leghisti: non sono mica tifosi del Feyenoord

13
Roma vietata ai leghisti: non sono mica tifosi del Feyenoord

Poveretto Ignazio Marino, bisogna mettersi nei suoi panni. E anche in quelli del prefetto di Roma. L'altra settimana gli hooligans del Feyenoord hanno messo a ferro e fuoco il centro della Capitale riducendo la fontana della Barcaccia a una discarica. Pretendere che ora lascino libero passo alle orde leghiste sarebbe troppo. La misura è colma. Mica si può permettere che qualche migliaio di zoticoni con gli elmi cornuti, le magliette con Alberto da Giussano e strani accenti gutturali piombino sulla città più bella del mondo, seppur per qualche ora, intonando cori contro il renzi. Raus, via, padani dell'accidente. E' già tanto se vi danno piazza del popolo per parlar male dell'intoccabile premier.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FabiettoFJ

    28 Febbraio 2015 - 09:09

    La paura del sindaco e del prefetto è che in 3 ore uno sparuto gruppetto di muratori bergamaschi potrebbero rimettere a nuovo la città. Sai che figura di "emme" ci farebbero. Forza Matteo.......quello giusto. Renzi a casa.

    Report

    Rispondi

  • lafiabastraciccia

    27 Febbraio 2015 - 23:11

    Io ci saro' e so quanto sara' pericoloso...gia', le zecche picchiano anche le donne sole...ma ci saro', con Matteo quello giusto...perchè siamo stufi della dittatura Pdiota.

    Report

    Rispondi

  • mastino.giovanna

    27 Febbraio 2015 - 19:07

    Premetto non sono leghista ,ma queste discriminazioni non le sopporto il prefetto Pecoraro e il sindaco Marino dovrebbero fare altro ,non sono all'altezza della situazione.Il loro comportamento e deprecabile perché accende di più la sensibilità degli italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media