Cerca

Parabole

Flavio Tosi elogiato dalla sinistra: rischia di fare la fine di Gianfranco Fini

Flavio Tosi

È quando iniziano a elogiarti perché sei «moderato» che devi sentire puzza di fregatura. Con quelli di sinistra, d’altronde, funziona così: se tutto ad un tratto smettono di darti del pericolo per la democrazia e prendono a sotterrarti di salamelecchi i più impensati, è perché si sono resi conto che potresti tornare utile. In attesa, si capisce, di scaricarti con le cattive una volta venuta meno detta utilità.

È successo con l’ex leader di An Gianfranco Fini, è successo con l’ex premier Mario Monti, sta succedendo adesso con Flavio Tosi. Che, da quando medita di rompere le uova nel paniere a Lega e Forza Italia correndo en solitaire contro il governatore uscente Luca Zaia, è improvvisamente diventato un beniamino: un coraggioso, uno con cui si può dialogare, una bravissima persona che non si capisce cosa ci faccia ancora in quel partito pieno di estremisti brutti e cattivi. Un moderato, per l’appunto.

A sentire la candidata del centrosinistra alla Regione Alessandra Moretti, Tosi è addirittura «un bravo amministratore, una persona moderata con cui ci si può confrontare sui contenuti».
E pazienza se è la stessa Moretti che, fino a pochi mesi fa, se parlava di Tosi era per dargli del razzistone e pazienza se questa caterva di elogi viene da quella stessa sinistra che, da che il sindaco di Verona ha fatto la propria comparsa sulla ribalta politica, non aveva fatto altro che dipingerlo come uno squadrista bello e buono formatosi politicamente nella curva degli ultrà dell’Hellas e buono tutt’al più a farci fare brutta figura con l’estero multando i bambini che mangiano i panini in piazza.

Tutto perdonato, tutto dimenticato. Intuito che Tosi a questo giro può rivelarsi il più inatteso degli alleati nel tentativo di azzoppare l’odiato ticket Silv-Salv, a sinistra sono partiti con lo spellamento delle mani con secondo fine incorporato. Ci manca giusto che, dalemianamente, arrivino a gridare «Tosi costola della sinistra», ma forse è solo questione di tempo. (M. G.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ritacoltelleselibripoesie.com

    10 Marzo 2015 - 23:11

    Fini è politicamente finito per la storia della casa di Montecarlo, donata da una fedele seguace al partito e usata squallidamente da Gianfranco per scopi personalissimi e discutibilissimi. La gente vede quando c'è falsità fra l'immagine pubblica e la reale consistenza della persona. Tosi invece dimostra soltanto di essere molto ambizioso. Se Zaia ha veramente governato bene, perché sostituirlo?

    Report

    Rispondi

  • TOCAI

    09 Marzo 2015 - 08:08

    Dio solo sa che cosa gli ha fatto la Morettina ! I veneti veri, quelli doc , sicuramente non si faranno fregare da un altro arrivista destrorso, ma con l'anima radicata a sinistra per puro interesse personale. Nel frattempo dovrebbe andare dal dentista a sistemarsi un pò, perchè dopo dovrà leccare molto e lavorare sodo di bocca.

    Report

    Rispondi

  • pietroferretti46

    09 Marzo 2015 - 00:12

    Tosi torni sui suoi passi ! la gente vede che salvini ha una posizione chiara e lo voterà ! Pietro Ferretti

    Report

    Rispondi

  • valentinocesari

    08 Marzo 2015 - 18:06

    Per me è come fini e come tanti altri, vedi alfano e compny. Bravo amministratore ma bravo a tentare una torsione tripla a sinistra con scappellamento a dx. Bravo, troverai tanti che non ti voteranno e dovrai andare a sx per vivere. Mi spiace perché ero convinto che fosse politica e non interesse personale, quindi per me può andare anche subito a casaaaaaaa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog