Cerca

Badilate

Massimo Cacciari umilia Massimo D'Alema: "Arrogante, per lui esiste solo 'io'. Credeva di essere il più figo, e..."

Massimo D'Alema

Senza peli sulla lingua, sempre e comunque. Una qualità che ha fatto apprezzare Massimo Cacciari anche a chi di sinistra non è. E senza peli sulla lingua ha detto la sua in una lunga intervista al Fatto Quotidiano. Prima il dito puntato contro Romano Prodi per la mancanza d'attenzione su certi appalti quando era premier. Poi il nuovo durissimo affondo contro lo storico rivale, Massimo D'Alema. Chiedono a Cacciari: non le è mai piaciuto, vero? E lui: "Mai. Sicuramente è intelligente e preparato, ma tradito dall'arroganza, per questo fa clamorosi errori". Dunque lo imbeccano: "D'Alema intelligente" è ormai un assioma. Ma quando lo ha dimostrato. E l'ex sindaco: "Quando parla, quando fa analisi politica. Lo dimostra perché è un uomo che ha letto due libri, è un uomo colto". E ancora, come se non bastasse: "Politicamente è travolto dalla presunzione: lui, solo lui, ma allo stesso tempo è anche un uomo di partito, non è Renzi, non è un demagogo". E l'errore più grande di D'Alema? "Venne qui durante la bicamerale e mi permisi di manifestargli dei dubbi. E lui utilizzando il mio cogonome disse: Cacciari... Cacciari... ancora non hai capito: Berlusconi è un prigioniero politico. Con lo stesso metro hanno affrontato Renzi, convinti di essere i più fighi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    10 Marzo 2015 - 11:11

    D'Alema chi ? Quello della disastrosa missione "Arcobaleno" ? O quello della fallimentare "Bicamerale ? Oppure quello della guerra nei Balcani ? Parlare male di lui è troppo facile. Quasi come sparare sulla Croce Rossa.

    Report

    Rispondi

  • garfanhotto

    09 Marzo 2015 - 15:03

    Beh! l'analisi e il giudizio possono essere giusti, ma visto che tra i due c'è antipatia e rivalità è normale. D'Alema fallì nella bicamerale, fallì nel governo e sempre diceva; via l'Italia dalla Nato e poi ha fatto la guerra nel Kossovo con tutte le conseguenze per i nostri soldati che ne sono derivate

    Report

    Rispondi

  • allianz

    09 Marzo 2015 - 09:09

    Cacciari si risparmi la fatica di venirci a dire chi è Yussuf Bin D'Alemah.Lo conosciamo bene.

    Report

    Rispondi

blog