Cerca

Fuori dalla realtà

L'ex on. Gerardo Bianco e il vitalizio: "Con meno di 3500 euro al mese andrei alla mensa dei poveri"

L'ex on. Gerardo Bianco e il vitalizio: "Con meno di 3500 euro al mese andrei alla mensa dei poveri"

“Il vitalizio medio di un parlamentare è di 3500 euro. Sono persone di oltre 70 anni. Se me lo diminuissero dovrei andare alla mensa di Sant’Eustachio per soddisfare le mie esigenze”. Questa la versione di Gerardo Bianco, presidente dell’Associazione ex parlamentari ai microfoni di “24 Mattino” di Alessandro Milan su Radio 24. Bianco ha risposto così alla campagna lanciata da M5S e Lega per azzerare i contributi per gli spostamenti a Roma degli ex parlamentari. Bianco ha continuato: “Con 3500 euro al mese uno di 70 anni vive decentemente. Non può sottrarre a questa cifra nemmeno mezzo euro. Io viaggio in continuazione, oggi sono a Napoli, poi andrò a Cosenza e non posso sottrarre soldi per cose per le quali sono richiesto. Un ex parlamentare continua a svolgere un’attività intensissima, è coinvolto in presentazione di libri, è chiamato nelle scuole per parlare della Costituzione. Queste cose esistono in tutto il mondo, se l’Italia si vuole allontanare da questo lo facciano, non c’è problema”.

Fuori dalla realtà - Ospite della trasmissione era anche l’on. M5S Massimo Doninelli che ha commentato così: “Penso che queste persone abbiano perso totalmente il collegamento con la realtà. Mi piacerebbe che chi ascolta potesse dire a Bianco che merita un calcio nel sedere a dire queste cose. Tutti gli ex deputati hanno un fondo di 3200 euro l’anno per gli spostamenti da casa a Roma. Ovviamente non ci sono grandi controlli. Questi signori hanno vitalizi, pensioni d’oro e noi dovremmo pagare 900mila euro l’anno per gli spostamenti di queste persone”. Toninelli poi ha spiegato anche perché il M5S non partecipa al voto finale sulle riforme: “Hanno bocciato tutte le nostre proposte, allora si votino la riforma. Perché dovremmo andare in aula a pigiare un pulsante? Con queste riforme si crea una dittatura del capo. Renzi ormai è un direttore marketing della Bce e della Troika. Jobs Act, decreto Poletti, Sblocca Italia sono tutte limitazioni della democrazia che la Troika chiede ai Paesi della Ue”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rita-pisarro

    11 Febbraio 2016 - 13:01

    Lurido topo di fogna!! Ci sono tuoi coetanei dopo anni di duro lavoro, prendono 500 € mensili. Quando vanno a ritirare la pensione e pagano ciò che devono, escono dall'ufficio postale ripuliti. Per mangiare sono costretti a rovistare nei cassonetti dei mercati quando questi chiudono. Abbi la decenza di non andare in tv a far vedere la tua faccia da culo dicendo queste volgarità, almeno risparmiaci queste porcherie.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    11 Marzo 2015 - 10:10

    Mia madre, caro Gerardo, dopo 40 anni di lavoro, percepiva la bellezza di 560 euro al mese. Questi patetici figuri nn hanno nemmeno la faccia di tacere. Intanto, mentre monta l'indignazione su questi fatti, che mettono a nudo l'oscenità di una clase politica indegna, Matteo, l'innovatore/rottamatore, l'eroe dei nostri giorni, che nn perde occasione per lasciarci le sue perle di saggezza, tace!

    Report

    Rispondi

  • milibe

    11 Marzo 2015 - 05:05

    sono allibita, indignata per questo parassita! almeno abbia il buon gusto di non prenderci per i fondelli

    Report

    Rispondi

  • cosimo.pompadoro@fastwebnet.it

    cosimo.pompadoro

    11 Marzo 2015 - 01:01

    datemi l'indirizzo di Gerardo Bianco che ci penso io a tirargli 3500 calci nel culo! io non vi toglierei soltanto 1 euro parassiti merdoni, abolirei tutti i vitalizi che ci fregate.

    Report

    Rispondi

    • kranio77

      17 Marzo 2015 - 11:11

      Può rivolgersi a me: sono suo nipote (Francesco Bianco). Lavoro all'università di Olomouc, in Repubblica Ceca (trova i miei indirizzi email, che non pubblico qui per evitare spam, con un paio di semplici googlate). Mi scriva un'email e, in privato, le mando tutti i miei contatti: sceglierà poi lei quale messaggio mandare (e come), che siano pedate nel deretano, insulti o civili obiezioni.

      Report

      Rispondi

      • cosimo.pompadoro@fastwebnet.it

        cosimo.pompadoro

        05 Maggio 2015 - 01:01

        leggo in ritardo la risposta al mio commento, ma non si vergogna di essere il nipote di un simile individuo? io eviterei di dirlo in giro!

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog