Cerca

Espulsione

Lega, Flavio Tosi manda una lettera a Matteo Salvini, il leader della Lega smentisce ma non chiude il dialogo

Lega, Flavio Tosi manda una lettera a Matteo Salvini, il leader della Lega smentisce ma non chiude il dialogo

Flavio Tosi tende la mano alla Lega con una lettera indirizzata a Matteo Salvini, il leader del Carroccio smentisce di aver ricevuto la missiva, ma si dice disponibile al confronto. Quello dell'espulsione del sindaco di Verona dal partito sta diventado un giallo che non trova soluzione da diverse ore. Da quando cioè si attendeve la decisione del comitato di disciplina e garanzia della Lega, organo presieduto da Umberto Bossi, che avrebbe dovuto tira fuori una decisione ieri sera 9 marzo.

La lettera - Nel pomeriggio di oggi 10 marzo è circolata la notizia dell'apertura di Tosi, raccolta da Repubblica citando fonti parlamentari. Secondo questa voce, Tosi avrebbe accettato tre condizioni imposte dal comitato per rimanere nel partito. Innanzitutto il divieto di creare una lista a suo nome per le prossime elezioni regionali in Veneto; la garanzia che il sindaco di Verona non usi la sua fondazione "Ricostuiamo il Paese" per farne una lista civica nelle elezioni dei comuni; l'obbligo quindi di presentare una lista della Liga veneta concordata con il direttivo nazionale, guidato dallo stesso Tosi.

Il no di Tosi - L'unica condizione non accettata dal sindaco di Verona è stato concedere il ruolo di mediatore per la formazione della lista di candidati al commissario ad hoc nominato dal Carroccio, Giampaolo Dozzo.

Porte aperte - Sul web era circolata anche una notizia, diffusa dal Mattino di Padova, che dava per fatta l'espulsione di Tosi dalla Lega, anzi del: "Decadimento da socio ordinario della Lega". Decisione smentita nettamente dalla Lega che in una nota ha anche negato l'arrivo della lettera del sindaco leghista a Salvini, senza però chiudere del tutto la porta e offrendo la: "Piena disponibilità al dialogo". Salvini oggi è a Bruxelles, impegnato all'Europarlamento, Tosi a Roma, sulla carta per incontri istituzionali. Impossibile quindi un faccia a faccia improvvisato tra i due, ma il tempo che i leghisti stanno facendo passare indica che una trattativa sotterranea è in corso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fiorgio

    10 Marzo 2015 - 21:09

    Tosi torna indietro umilmente, altrimenti se continui sulle tue posizioni, oltre ad essere diciamo escluso dal partito,(per usare un termine soft ) ti farai odiare dai votanti della lega, i quali ti faranno fare la fine di Fini, te e anche il tuo amico Passera, alla fine sono i voti che contano, vedi Alfano e Casini insieme sono al 3%.

    Report

    Rispondi

  • martinuccienrico

    10 Marzo 2015 - 18:06

    Basta fare il gioco di Renzi, sarebbe intelligente superare i problemi all'interno del partito e non prestare il fianco al nemico. Abbiamo un Ducetto capriccioso e incapace che governa per abuso di potere....basta continuare a favorirlo. Spero nell'intelligenza di Tosi.

    Report

    Rispondi

blog