Cerca

Il sindaco commissariato

Flavio Tosi: "Salvini ditattore della Lega"

Flavio Tosi: "Salvini ditattore della Lega"

Sono accise pesantissime quelle che il sindaco di Verona ed ex numero uno della Liga Veneta Flavio Tosi ha lanciato oggi contro il segretario federale della Lega Matteo Salvini all'indomani della sua cacciata dal partito. In una conferenza stampa convocata per fare il punto della situazione, Tosi ha detto che Salvini ha imposto "un controllo dittatoriale sul partito", che ne è rimasto deluso "anche umanamente" da chi (Salvini) aveva già deciso di espellerlo, al di là di qualunque considerazione di merito e opportunità. "Più ci penso e più mi convinco che a Matteo Salvini andasse bene arrivare a questo commissariamento e ci è arrivato conmotivi che sono più un pretesto che altro. Da un punto di vista personale, chiudere come sono stati chiusi 25 anni di storia di Liga Veneta-Lega Nord non è che sia umanamente e personalmente piacevole, per gli affetti, gli amici... Personalmente, è difficile essere cancellato dalla Lega". Per Tosi, "la questione delle liste in Veneto, piuttosto che il commissariamento o la mia Fondazione sono più un pretesto, anche perchè ieri c’è stata, da parte del sottoscritto, la proposta di provare a trovare una sintesi che non è stata nemmeno presa in considerazione, visto che ho appreso dalle agenzie le decisioni di Salvini".

Tosi è convinto che il suo commissariamento "danneggerà la Lega e il centrodestra, anche in chiave elezioni regionali. Una situazione della quale Salvini dovrà assumersi la responsabilità". Quanto ha ciò che farà lui, si è preso 48 ore per decidere: "E' chiaro che così a caldo, con la botta ancora fresca, è difficile prendere una decisione a mente serena. Per cui preferisco apettare un paio di giorni prima di decidere se candidarmi o meno a governatore del Veneto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fepi65mi

    12 Marzo 2015 - 20:08

    Salvini dittatore? Perché gli altri no??? Comunque se fosse....Meglio un Matteo dittatore che ascolta la gente è che è allineato con i nostri pensieri..che gli altri finti democratici

    Report

    Rispondi

  • pestifero

    12 Marzo 2015 - 09:09

    Tosi si è bruciato dopo il secondo mandato come sindaco a Verona, continuerò a ripeterlo fino alla noia, non ha portato nulla che sia nulla nella mia città, solo peggiorato traffico, condizioni, imposte comunali, i suoi cavalli di battaglia (lotta alla microcriminalità praticamente assente), un senso di disagio in ogni luogo. Tosi in breve ha fallito su tutto.

    Report

    Rispondi

  • fiorgio

    11 Marzo 2015 - 20:08

    Il quadretto di famiglia è quasi al completo, Passera ex Ministro di Monti ex Banchiere, non che sotto indagini con De Benedetti, per la polvere d'amianto, il Tosi, Alfano Ncd, Casini Udc, manca solo Fini questo, è solo questione di tempo, vedremo se gli italiani sono così ingenui da dare il voto a questi individui, caro Tosi dai del dittatore a Salvini, in verità la cacciata te la sei voluta tu.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    11 Marzo 2015 - 19:07

    Non c'è dubbio che a Salvini faccia comodo avere un concorrente in meno all'interno della sua parrocchia, per poterla gestire come vuole. Ma stia attento: nella Lega ci sono altre teste pensanti, oltre a Tosi; se va avanti con questa logica si troverà prima o poi a fare i conti magari con Zaia, o Giorgetti, o Fedriga e tanti altri, a cui può non andar bene "tutto"... Occhio, Salvini.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog