Cerca

Il caso

Processo Ruby, pool di Milano: le lettera segrete delle toghe rosse alla giudice che assolse Silvio Berlusconi

Ilda Boccassini

Le toghe rosse di Milano si attendevano l'annullamento dell'assoluzione in secondo grado. Volevano Silvio Berlusconi di nuovo alla sbarra nel processo Ruby. Ma così non è andata. Confermata l'assoluzione. E dopo la conferma, oltre al Cav, ci sono state diverse persone che si sono levate dei sassolini dalle scarpe. Una di queste era la giudice Concetta Locurto, toga stimata e progressista, già coordinatrice milanese di Area, il cartello tra le correnti di sinistra di Magistratura Democratica. Una, insomma, che aveva il "pedegree" giusto per condannare Berlusconi in secondo grado. Già, perché la Locurto la scorsa estate era la relatrice della sentenza di assoluzione del Cav nel processo Ruby. L'assoluzione scatenò un vespaio di polemiche in magistratura, culminate con le dimissioni del suo collega e presidente del collegio, Enrico Tranfa, che con il passo indietro volle dissociarsi da un verdetto che non condivideva.

Silenzio e lettere - La Locurto, al tempo, non volle commentare. E non ha voluto commentare neppure dopo la conferma dell'assoluzione che, nei fatti, ha confermato la bontà del suo operato. E il silenzio le deve essere costato, perché come spiega il Corriere della Sera la toga che ha assolto Berlusconi ha vissuto mesi da incubo, tra "attacchi e implicite insinuazioni di cosa di oscuro potesse essere accaduto attorno al processo" per spingere Tranfa alle dimissioni. Ha taciuto, la Tranfa. Almeno in pubblico. Già, perché secondo quanto scrive sempre il Corsera, la toga avrebbe scritto una piccola lettera ai colleghi (agli stessi colleghi che nei mesi precedenti tempestavano la sua email parlando di "torsione del diritto"). Il Corsera ha provato a chiederle del contenuto della lettera, ma la Tranfa, fedele alla sua riservatezza, ha scelto di non parlare. Eppure qualcosa è emerso. Nonostante il rifiuto della giudice, è stato ricostruito quanto abbia detto interpellando i destinatari della missiva.

Se c'è il Cav alla sbarra... - La Tranfa non giudicava la bontà della sentenza, ma metteva in guardia dai rischi di "una malevola dietrologia faziosa", del "pregiudizio", dei "pensieri in libertà da chiacchiera da bar" della quale è stata vittima per mesi per aver fatto il suo lavoro, che nella fattispecie prevedeva di assolvere Berlusconi. La Tranfa avrebbe scritto dei "magistrati che giudicano senza conoscere, finendo - proprio loro - per partecipare al tiro al piccione senza alcun rispetto per l'Istituzione e le persone". E il piccione, in quel momento, era proprio lei. E il "piccione", ora, si toglie le sue soddisfazioni. Nella missiva avrebbe aggiunto l'invito ai colleghi ad "andarsi a rileggere i provvedimenti redatti nel corso dell'intera carriera, piccoli o grandi che fossero, per avere certezza dell'identità di metro di valutazione utilizzato indifferentemente per extracomunitari e potenti". Quel metro di giudizio imparziale che però, i colleghi, le rimproverano: se c'è il Cav alla sbarra deve essere condannato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucia elena

    15 Marzo 2015 - 16:04

    1° processo cinque anni fa, assoluzione, 2° processo condanna, 3° processo assolto in via definitiva. E Ci viene a raccontare che è costato solo seimila euro? Ma lei ha proprio una bassa opinioni del popolo e noi la controcambiamo dello stesso tenore unitamente alla Boccassini. Si dice che cane non mangia cane che vi si addice parimenti. Mi faccia il piacere, TACCIA. Non siete degni rappresentanti

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    15 Marzo 2015 - 15:03

    Questo dimostra il livello di civiltà di chi in Italia amministra quella che dovrebbe essere la Giustizia.

    Report

    Rispondi

    • fam.maffiotti

      15 Marzo 2015 - 20:08

      Complimenti....sei stato pubblicato perchè hai creduto a tutti gli "avrebbe" contenuti nell'articolo.

      Report

      Rispondi

  • fam.maffiotti

    15 Marzo 2015 - 14:02

    Un articolo veramente in punta di penna, coerente e sopratutto verificato con grande serietà. Ogni frase attribuita ai vari soggetti contiene solo .....avrebbe detto, avrebbe scritto avrebbe sentito, avrebbe fatto.... Capisco compiacere il padrone, ma almeno una certezza da scrivere per i lettori ancora pensanti l'avete? Il bello è che tutti gli adoratori del cav. leggono "avrebbe" come "ha" vero?

    Report

    Rispondi

  • gnola043

    13 Marzo 2015 - 16:04

    come sono soggetti alla legge i giudici: Forum-giudice Francesco Foti.Un condomino non paga le spese di riscaldamento;gli staccano il riscaldamento come previsto dal regolamento di condominio e dal codice civile.Cosa fa Foti? Dice che essendo stato investito lui del problrma ordina l'immediata erogazione del riscaldamento.vero o no che questi giudici fanno i c...i che vogliono altro che legge!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog