Cerca

L'ex presidente del consiglio

Monti attacca Salvini: "Contro la Fornero vili attacchi"

Monti attacca Salvini: "Contro la Fornero vili attacchi"

"L’onorevole Salvini è ovviamente libero di non condividere nulla. Attacchi pure il governo che ha introdotto quella riforma o le forze politiche che nel dicembre 2011 l’hanno approvata a larghissima maggioranza: 402 sì su 477 votanti alla Camera, 257 sì su 298 votanti al Senato. Ma è vile prendersela con una donna coraggiosa che, in modo disinteressato, ha reso allo Stato un servizio di grande valore e che ancor oggi, tornata a vita privata, è sottoposta ad unvergognoso linciaggio". Dopo mesi di silenzio, il senatore a vita Mario Monti si "scongela". E lo fa per scagliarsi contro il segretario della Lega, reo a suo dire di "un vile attacco" nei confronti dell'ex ministro del Lavoro Elsa Fornero.

A Salvini, l'ex presidente del Consiglio rinfaccia  una serie di ruvide uscite e sciorina un lungo elenco. "Qualche esempio? ’La Fornero? Mi sta qui. Sono un non violento con tutti, ma con lei devo fare autocontrollo, altrimenti...'. ’Noi della Lega siamo persone educate. Se mai passerà da Pontida, mi auguro che la prendiate a calci nel culo per 10 chilometri'. ’Per la signora Fornero ci vorrebbe la corte marziale, dovrebbe essere esiliata'. Quest’ultima sentenza, emessa da Salvini su Facebook, ha stimolato vari commenti. Tra essi, omettendo - segnala ancora Monti - i più truci, ’Fucilatela nella schiena', ’Alla forca come nel Medioevo', ’Per lei la camera a gas’, ’Meglio bruciata viva'. Manifestazioni solo verbali? No. Il 19 maggio 2014, Salvini in persona guida una spedizione della Lega sotto la casa di Elsa Fornero. L’obiettivo della spedizione è conseguito solo in parte: ’Per fortuna - dichiara il Nostro - il ministro non è in casa, perchè mi prudono le man'".

Poi l'attacco al Carroccio prosegue: "Tutti sapevano che senza una rapida e incisiva riforma delle pensioni, che il governo Berlusconi non era riuscito a fare proprio per l’opposizione della Lega, i conti pubblici sarebbero saltati. Per questo nessuno prestava più allo Stato italiano, se non a tassi esorbitanti. Senza la riforma, i nostri figli e nipoti avrebbero dovuto sopportare negli anni futuri oneri insostenibili; ma già nel giro di qualche settimana i cittadini e le imprese si sarebbero trovati in una situazione simile a quella della Grecia. Solo la preparazione e la determinazione del ministro Fornero, con l’appoggio dell’intero governo e la responsabile condivisione da parte della maggioranza (Pdl, Pd, Terzo polo), hanno permesso di approvare e rendere esecutiva la riforma in soli 19 giorni dall'entrata in carica del governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gigi777

    19 Maggio 2015 - 17:05

    Salvini esagera, ma la sua amica Fornero è stata la rovina di molte famiglie e non merita alcun riguardo. Se poi certe decisioni firmate Fornero, sono state frutto di un'intesa tra voi, è giusto che condividiate gli insulti di Salvini. In quanto alla situazione che c'era quando è stato chiamato lei, avrebbe dovuto cercare i soldi dove c'erano sprechi enormi, non tra i pensionati o i pensionandi

    Report

    Rispondi

  • Gigi777

    19 Maggio 2015 - 17:05

    Salvini esagera, ma la sua amica Fornero è stata la rovina di molte famiglie e non merita alcun riguardo. Se poi certe decisioni firmate Fornero, sono state frutto di un'intesa tra voi, è giusto che condividiate gli insulti di Salvini.

    Report

    Rispondi

  • from.my.lab

    19 Maggio 2015 - 00:12

    Se gli insegnati fossero tutti come Monti non avremmo più speranze, sempre e solo teso a giustificare il suo cieco operato, "è l'Europa che lo chiede", in pochi giorni è riuscito a salvarci da un disastro che si sarebbe avverato in poche settimane, miracolo..... se restava in carica ancora due o tre giorni saremo tutti ricchi. Patetico.....

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    17 Maggio 2015 - 02:02

    vergognati tu mister 30 denari

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog