Cerca

Ultimatum

Matteo Salvini detta le condizioni a Silvio Berlusconi: "Il progetto, le alleanze e le primarie"

Matteo Salvini detta le condizioni a Silvio Berlusconi: "Il progetto, le alleanze e le primarie"

Matteo Salvini detta le condizioni a Silvio Berlusconi. In una intervista al Corriere della Sera il leader del Carroccio afferma che un'alleanza Lega e Forza Italia è possibile sole se c'è "un progetto a lungo termine. La costruzione di un vero centrodestra. Non un accordicchio a tutti i costi. Voglio che gli italiani vadano a votare qualcosa di chiaro e definito almeno quanto quello di Renzi". 

Quello a cui pensa il segretario del Carroccio è "non un' alleanza con diciotto posizioni diverse sull'euro", per esempio. E questo significa fare "le primarie, che servono anche a recuperare l'interesse e la passione degli italiani" perché "si possono avere idee diverse su tanti punti, e dunque sottoporle agli italiani. Saranno loro, poi, a scegliere. Un programma e insieme il leader che ci ha messo la faccia". Se Berlusconi accetta, meglio, in ogni caso "il punto non è fare un accordino un tanto al pezzo. Mezzo accordo per la Campania, un accordicchio per la Toscana, e un altro ancora per mezzo assessore in provincia di Varese. Io credo che si debba dare agli italiani il progetto di un centrodestra a lungo termine. Altrimenti, non crederanno più a nessuno di noi, e per molto tempo. Poi, certo, non è che dobbiamo fare le primarie stamattina. Basta capire dove stiamo andando". 

Salvini è determinato: "Noi vogliamo vincere non soltanto in Veneto, ma giocarcela anche in Liguria e in Toscana. Se Forza Italia lo capisce, vinciamo anche lì. E se vinciamo in una regione rossa, Renzi va a casa. Se invece si insiste a giocare a questo Monopoli... davvero, a noi non interessa". Anche perché, continua il leader della Lega "io da Berlusconi di sicuro ho imparato una cosa. Che bisogna scegliere per ciascun posto il candidato migliore". 

Resta il fatto che Salvini e il Cavaliere devono incontrarsi e discuterne: "Ci vedremo presto. Il problema è che ci sono diverse Forza Italia. C' è il signor Caldoro che in Campania schifa la Lega. C' è il signor Gasparri che schifa la Lega. C' è il signor Rotondi che dice che Salvini è fuori dal contesto civile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • veneziano49

    20 Marzo 2015 - 19:07

    bravo questo si che è ragionare, buonsenso , ma pare l'abbia solo Salvini...Berlusca vuol comandare anche con il 10%

    Report

    Rispondi

  • emilb

    20 Marzo 2015 - 19:07

    ma si....facciamo pure progetti a lungo termine con la speranza che nel frattempo tutto vada in malora grazie alla kompagna Merkel........emuil-b

    Report

    Rispondi

  • kingapache

    20 Marzo 2015 - 14:02

    Il ragionamento di fondo per alleanza politica non fa una grinza. E` giusto avere un programma di cdx a lungo termine in cui il popolo possa essere interessato. Quanto alle primarie non sono d'accordo perche` se e` vero che Salvini ha imparato dal Cav che bisogna presentare il candidato migliore beh, mi sembra che questo sia ancora il Cav. Quanto al qualcosa di chiaro e definito di Renzi, mah!!!!

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    20 Marzo 2015 - 09:09

    Infatti tutti i cantidati di berlusconi alla seconda mandata elettorale sono saltati, guardate quel genio di Pavia o altri, la lista e lunga.........tutti li scaricano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog