Cerca

La mossa

Forza Italia, l'idea di Silvio Berlusconi: quattro donne per sfidare Matteo Salvini

Forza Italia, l'idea  di Silvio Berlusconi: quattro donne per sfidare Matteo Salvini

Raffaele Fitto minaccia: «Se dalle liste di Forza Italia saremo esclusi, se si continua con questo gioco suicida, saremo obbligati a difenderci e a fare rapidamente le nostre valutazioni, in tutte le direzioni», valutando anche l’opportunità di candidare se stesso in Puglia. Ma da Arcore nessuno raccoglie il guanto di sfida. Anzi, l’ordine è quello di evitare nuove polemiche: «Sono certo che non ci saranno epurazioni precostituite», dice Giovanni Toti, invitando i fittiani «a non fare i martiri prima di essere perseguitati». Perché questo, assicura il consigliere politico berlusconiano intervenendo alla convention degli ex An, è il «momento dell’unità».

Perlomeno quella interna. Perché, di fronte all’impossibilità di tenere unito il centrodestra, Berlusconi è solleticato dalla tentazione di una corsa solitaria. Mettendo in campo un poker di donne: Deborah Bergamini (Toscana), la giornalista Mediaset Ilaria Cavo (Liguria), Elisabetta Gardini (Veneto), Mara Carfagna (Campania). Il fatto è che Silvio non sopporta più i ricatti di Matteo Salvini, anche se rimane in ballo l’ipotesi che i due oggi o domani possano incontrarsi. «La Lega alza troppo la posta, tra un po’ presenteranno una candidatura anche per la Casa Bianca», ironizza Maurizio Gasparri. Il vice presidente del Senato, insieme con Altero Matteoli, anima un convegno di ex An da cui parte l’invito all’unità del partito e del centrodestra. Se ci si riesce: «È vero», spiega Gasparri, «il nostro obiettivo è unire la coalizione, ma ci dobbiamo credere tutti».

Sempre a Roma si riuniscono i “ricostruttori”. «La logica di un partito», spiega Fitto, «è quella di includere, ma dal Veneto alla Puglia mi sembra che i segnali vadano nella direzione opposta». In Puglia, attacca Fitto, ci sono stati «nuovi commissariamenti» e questo è «un gioco suicida» che «non può continuare». Dal convegno della Fondazione delle Libertà e di Italia Protagonista, replica Toti: «Chi minaccia di andarsene dal partito o di candidarsi in contrasto con questo se non vengono accettate le proprie idee, assomiglia un po’ ai bimbi dell’oratorio che quando non gli viene riconosciuto il ruolo di capitano della squadra se ne vuole andare con il pallone». (SA.DA.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ireneus

    11 Maggio 2015 - 23:11

    La Carfagna e l'asso nella manica mossa vincente dare cariche alla soubrette Manca la Brambilla la Prestigiacomo la Sardone e FI cotta e servita alle politiche sarà il 5- 6 % contento Berlusconi contenti tutti

    Report

    Rispondi

  • nordest

    26 Marzo 2015 - 17:05

    Ma questo puttaniere pensa che siano tutti come lui, d'accordo che tira piu un pelo di fi.a che un carro di buoi, spero che Salvini sia coerente e pensi almeno a questo bistrattato popolo che è nella mer.a

    Report

    Rispondi

  • lattaro1939

    26 Marzo 2015 - 10:10

    buon giorno cav Sappia che Matteo Salvini non ricatta ma ragiona con il cervello - il suo cervello che molti di noi vorremmo avere seguita in questo modo e vedrai la grande capriola che farai. Salvini è la tua salvezza - lascia perdere le 4 donne che sono una rovina politicamente perchè vedono sempre tutto dal lato femminile.- alleati in tutte le regioni con Salvini e sarai vincitore - saluti

    Report

    Rispondi

  • SCARPARO2817

    23 Marzo 2015 - 18:06

    Matteo Salvini non va messo alla porta perché senza di lui non si vince.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog