Cerca

Il complotto dell'austerity

Golpe 2011, l'ex premier spagnolo Luis Zapatero: "Pressioni da Usa, Ue e Fmi su Cav e Tremonti, volevano cambiare governo all'Italia"

Golpe 2011, l'ex premier spagnolo Luis Zapatero: "Pressioni da Usa, Ue e Fmi su Cav e Tremonti, volevano cambiare governo all'Italia"

Il golpe del 2011 contro Silvio Berlusconi? C'è stato. A ribadirlo è un insospettabile, non certo tacciabile di simpatie per il leader di Forza Italia: José Luis Zapatero, socialista e all'epoca dei fatti premier della Spagna. Anche lui era presente all'ormai famigerato G20 di Cannes, dove secondo varie ricostruzioni si sarebbero consumate le trame per cambiare guida a Palazzo Chigi, passando dal Cavaliere al professore Mario Monti, decisamente più incline a far rispettare i diktat dell'Ue al nostro Paese. 

La cena ristretta e le pressioni sul Cav - Dopo le rivelazioni assai rumorose dell'ex capo del Tesoro americano Tim Geithner, di un esperto analista internazionale come Edward Luttwak e i succulenti indizi disseminati dalle interviste di Alan Friedman, arrivano dunque anche le parole pesanti di Zapatero. "Berlusconi e Tremonti subirono pressioni fortissime affinché accettassero il salvataggio del Fmi - ha spiegato a La Stampa -. Gli Usa e i sostenitori dell'austerità volevano decidere al posto dell'Italia, sostituirsi al suo governo". Cosa che poi che poi puntualmente è accaduta, con le dimissioni di Berlusconi a novembre. Come ricorda Giuliano Ferrara sul Foglio, è pur vero che siamo in un'epoca in cui la sovranità nazionale spesso non è illimitata e deve fare i conti con le esigenze degli alleati e del contesto internazionale (in questo caso, l'Unione europea). Ma è altrettanto vero che a risolvere i problemi, o perlomeno a tentare di farlo, deve essere un governo regolarmente eletto (come fu quello del Cavaliere, a differenza di quanto capitato poi con Monti e pure Letta e Renzi) e con ancora pieni strumenti nelle proprie mani. Già nella sua autobiografia El Dilema, l'ex premier spagnolo aveva ricordato quella cena ristretta con Obama, Fmi e vertici Ue per pianificare "il martellamento" ai danni di Berlusconi, per spingerlo ad accettare lo stesso trattamento riservato alla Grecia. Nulla di nuovo, insomma, ma un altro inquietante tassello per disegnare il mosaico di quei mesi di tensione e pressioni, a cui si deve aggiungere la questione (ancora non del tutto chiara) dell'innalzamento esagerato dello spread e il declassamento dell'Italia ad opera delle agenzie di rating Standard & Poor's e Fitch su cui sta indagando la Procura di Trani.

Brunetta: "Renzi, cosa aspetti?"  -"Di cosa c’è ancora bisogno per avere una Commissione d'inchiesta sui fatti oscuri che nell'estate-autunno del 2011 portarono alle dimissioni dell'ultimo governo eletto dai cittadini: il governo Berlusconi?", è la domanda di Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. Brunetta, all'epoca ministro della Funzione pubblica, torna ad alzare la voce: "Abbiamo chiesto la Commissione parlamentare d’inchiesta sui fatti del 2011, e da mesi il Pd non ne vuol sentire parlare. Un atteggiamento  inaccettabile. Che ne pensa il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • renzobaldo

    26 Novembre 2015 - 18:06

    mattarella non pensa: tace!

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    26 Novembre 2015 - 18:06

    con questo sistema sono stati messi al governo 3 marionette non votati dal popolo.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    26 Novembre 2015 - 13:01

    Tremonti non accettò il prestito del FMI che l'America voleva imporre all'Italia, Berlusconi voleva che l'UE cambiasse politica, si lamentò per la politica del rigore della BCE. Ecco allora tutti d'accordo mandare a casa Tremonti e Berlusconi. Per gli Usa in Italia ci voleva un altro governo, più malleabile e ubbidire ali strozzini messi dagli Usa. Napolitano è stato il peggiore perché accettò.

    Report

    Rispondi

  • skyroll

    16 Giugno 2015 - 09:09

    molto strana questa situazione o meglio paradossale,poiche' a parte la richiesta di Brunetta fatta in un contesto circoscritto, non vedo una forte reazione ed una forte volonta al chiarimento dei fatti da parte di chi ha subito questa operazione ignobile e percio' mi sorgono forti perplessita'.In altri paesi un fatto simile avrebbe suscitato ben altro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog