Cerca

L'avvertimento

L'ultimatum di Alfano alla De Girolamo: "Non può attaccare i suoi amici di governo"

L'ultimatum di Alfano alla De Girolamo: "Non può attaccare i suoi amici di governo"

Angelino Alfano scende in campo per frenare l'inquietudine Nunzia De Girolamo. Non cede spazio ai malumori dentro il partito e così avverte l’ex ministro dell’Agricoltura: “Se Nunzia vuole restare nel partito come minoranza, con paletti chiari e invalicabili, va bene. Ma se pensa di potersela giocare a tutto tondo, attaccando i suoi amici al governo come ha fatto a Ballarò martedì lo dica e chiudiamo la partita”. Come evidenzia il Giorno, il ministro dell’Interno sa che la De Girolamo non può contare su pochi deputati e nessun senatori. Gaetano Quagliariello prova a mediare per capire se si può ricompattare la frattura, convoca la De Girolamo che prende tempo. Molti sospetti adesso si addensano su Nunzia: il primo tra tutto quello secondo cui dietro di lei ci sarebbe Berlusconi che le avrebbe chiesto di creare confusione. Intanto una conseguenza, salvo colpi di scena, ci sarà: non sarò più capogruppo alla Camera, al suo posto arriverà Lupi: “Siamo al governo, non ci può essere un presidente che ha una posizione ostile”, dice al Giorno Sergio Pizzolante.

La replica - Questa mattina, giovedì 26 marzo, l'ex ministro ha continuato ad andare sulla sua strada: ad Agorà, su Rai Tre, Nunzia De Girolamo, ha spiegato: “Alfano come ministro dell’interno e leader di Ncd credo dovrebbe essere più efficace più calzante, nel rapporto con Renzi. Anche sulle Forze di Polizia, quando Renzi si intesta i suoi 80 euro, Alfano dovrebbe chiedere misure altrettanto strutturali e forti, che sono parte del nostro programma. Un partito si caratterizza per le idee, non per le poltrone”. E ancora: “Io sono per l’unità del centrodestra.  “Questo sembra un governo monocolore del Pd. Renzi è abile mediaticamente, tende a schiacciarci. Combatterò dentro al partito per farlo rimanere un partito di centrodestra”. Ma non sarà facile per la De Girolamo portare avanti la sua battaglia, visto l'altolà che le è arrivato da Alfano. Cosa farà davanti alla minaccia di essere cacciata via da Ncd?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francesco assumma

    27 Marzo 2015 - 20:08

    De Girolamo ben ti sta. Vedi come a mettersi con i traditori e i co....... si finisce. E' un pupazzo perché fa bau bau e poi cala le braghe e siete lo zerbino di Renzi. Alfano e Renzi sono le peggiori due persone che il Nostro Paese non si meritava per realizzare le riforme che, a mio avviso, risulteranno un fallimento come la Legge " Fornero " se non più negative.

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    27 Marzo 2015 - 12:12

    la signora ha vissuto da sempre in due case, una in sardegna, in villa, e un'altra a casa di boccia, il marito, del pd e pure sottosegretario...ma che ne parlate a fare, questa è il nulla...e insieme raggiungono un reddito di 40.000,00 euro mensili...vergognaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    Report

    Rispondi

  • framan70

    27 Marzo 2015 - 12:12

    Alfano mostra i muscoli contro la De Girolamo e non contro terroristi, clandestini e delinquenti vari. Forse è ancora una volta un problema di poltrona da tutelare?

    Report

    Rispondi

  • GRISO59

    27 Marzo 2015 - 11:11

    Sono antialfaniano ma questa volta Alfano ha ragione. Se la Nunzia non gli va bene nulla del NCD non puo' fare le sceneggiate come ha fatto a Ballaro', deve alsarzi e dire e' stato un piacere ma non sono d'accordo su nulla e andarsene dal Ncd.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog