Cerca

Tuffo nel passato

Sandro Bondi, quello schiaffo di Silvio Berlusconi che ha spezzato il filo: nel giorno della fiducia a Enrico Letta...

Sandro Bondi

Forza Italia si sgretola. L'ultimo doppio tassello a cadere è quello composto da una storica coppia ormai ex azzurra: Sandro Bondi e Manuela Repetti. Il poeta e fedelissimo del Cav abbandona Silvio Berlusconi e passa al Gruppo misto a distanza di poche settimane dal faccia a faccia ad Arcore che tutto si è dimostrato, tranne che chiarificatore. I due lasciano per l'avanzata nel partito del cerchio magico, del quale il barboncino Dudù sarebbe considerato il simbolo e l'icona. Ma le origini di una clamorosa rottura affondano le loro radici in là nel tempo. C'è una data, su tutte, ed è il 2 ottobre 2013, quando Berlusconi al Senato sconfessò Bondi, che solo pochi minuti prima, in aula, si era prodotto in una dichiarazione di fuoco contro l'allora premier Enrico Letta. E invece nulla: Silvio cambiò strategia all'ultimo e la fiducia a Letta venne confermata. Un colpo durissimo, per Bondi, che da quel momento, giorno dopo giorno, ha covato lo strappo. Niente più poesie, niente più Silvio e niente più Forza Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lombardi-cerri

    02 Aprile 2015 - 06:06

    Visto che Bondi si dice poeta gli ricorderò la famosa: "Girella emerito, di molto merito,........"

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    01 Aprile 2015 - 18:06

    Vecchio comunista, rientrerà nel PD per continuare a stare seduto su un seggiolone. La colpa di Berlusconi è quella di essersi circondato di leccaculo infidi.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    01 Aprile 2015 - 18:06

    concordo con Bondi, anche se a lui riconosco quanto male abbia fatto a FI rimanendo inerme, mai un contro corteo a favore di Berlusconi di fronte al massacro del Premier con i cortei pacifisti del rifondarolo, così nacque la gogna contro di lui. Un paio di generazioni sono cresciute respirando l'antiberlusconismo. Dall'antiberlusconismo alla guerra dichiarata contro Silvio la politica si complica.

    Report

    Rispondi

  • marioangelopace

    01 Aprile 2015 - 18:06

    o sei Stalin, con tutte le conseguenze, o le persone devi saperle tenere care

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog