Cerca

La sua verità

Flavio Tosi: "Rosy Bindi? Vuole far vincere la Lega Nord in Veneto"

Flavio Tosi

Una storia a base di 007 e Rosy Bindi. La presidente democratica della commissione Antimafia, infatti, al termine di una visita in Veneto dell'organo da lei presieduto, ha suggerito di valutare una richiesta di accesso agli atti del Comune da parte della Commissione stessa. La Bindi, insomma, sente odor di 'ndrangheta e chiede ai suoi agenti di intervenire. Un caso che Flavio Tosi, l'ex leghista e sindaco di Verona, bolla come "ridicolo, è una cosa incredibile. Anzi, una cosa da cialtroni". Ma non è tutto, perché Tosi, intervistato dal Corriere della Sera, snocciola anche una peculiare teoria sulle reali ragioni che potrebbero aver spinto la Bindi ad intervenire.

La teoria di Tosi - Per primo parte dall'attacco della Bindi: "Non è degna di presiedere quella commissione". E ancora: "A Verona non esiste un appalto, un dipendente, un dirigente o un amministratore che abbia in corso procedimenti per quel tipo di reati". Dunque si passa al sospetto: "Se il presidente dell'Antimafia suggerisce qualcosa che non ha presupposti poco prima delle elezioni, che cosa posso pensare? Che stia facendo campagna elettorale". E dunque Tosi chiarisce: "Perché dovrebbe farlo? Per fare un dispetto a Renzi. Ho cercato di capire il perché di un'uscita così inspiegabile, e mi hanno spiegato che Bindi è ferocemente anti renziana. Forse - prosegue - le sue dichiarazioni servono per abbassare il consenso a me e aiutare Luca Zaia a vincere. Non tanto contro di me, quanto contro la renziana Alessandra Moretti".

Accordi con Alfano - Secondo Tosi, dunque, Rosy Bindi starebbe tirando la volata alla Lega Nord di Matteo Salvini pur di ostacolare il Pd e quell'Ncd alleato di Renzi. Tosi, da par suo, spiega però che il definitivo accordo con gli alfaniani non è stato ancora raggiungo: "Ci sono molti punti di vicinanza", spiega. Ma poi aggiunge: "Sulla scheda elettorale ci sarà una lista del presidente. E poi una lista di amministratori locali, sindaci e quant'altro". L'ex leghista sarà dunque un candidato terzista? "Beh - risponde -, da una parte c'è il centrosinistra di Renzi, dall'altra la destra piena di Salvini, e poi ci siamo noi. Un mondo civico che è tipico del Veneto, ma che aspira a diventare un modello nazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    02 Aprile 2015 - 20:08

    la Bindi in odore di conversione, che accada quanto prima.

    Report

    Rispondi

  • diwa130

    02 Aprile 2015 - 15:03

    Che strana coincidenza vero ? E' davvero spudoratamente ributtante la Bindi . Una vera serpe. Mi dispiace per Tosi (sgombriamo il campo da dubbi , sono di ultra sinistra), e' un amministratore capace e mi ha sempre dato l'idea di una brava persona convinta delle sue idee. Molto garbato ed educato. Gli auguro di vincere per mettere a tacere molte mer... che sono apparse in questa vicenda.

    Report

    Rispondi

    • teto.silvi

      02 Aprile 2015 - 18:06

      Però anche a lui piace la poltrona, visto il casino che ha fatto quando non ha potuto concorrere per la Lega al posto di Governatore del Veneto. In un partito ci si rimane solo se ti danno il posto che ti piace, altrimente si cambia colore per andare dove le tue richieste le accettano?

      Report

      Rispondi

  • filen

    filen

    02 Aprile 2015 - 14:02

    Piano con l amarone va bevuto con moderazione e senza esagerare

    Report

    Rispondi

  • lucky52

    02 Aprile 2015 - 10:10

    Caro Tosi ci vuole uno stomaco forte per farsi alleato con un ebete come Alfano che continua a vantarsi di quello che NCD ha fatto al governo senza rendersi conto che hanno fatto solo da zerbino a Renzi e che è un partito col 2% di preferenze. Spero tu sparisca nell'oblio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog