Cerca

Verso le Regionali

Lega Nord, la base contro l'accordo su Giovanni Toti candidato: "Non lo voteremo mai"

Lega Nord, la base contro l'accordo su Giovanni Toti candidato: "Non lo voteremo mai"

Accordo chiuso per le Regionali fra Lega e Forza Italia. Alle elezioni del prossimo 31 maggio il partito di Silvio Berlusconi e quello di Matteo Salvini si presenteranno insieme in tre regioni: in Veneto Lega e Forza Italia saranno alleate a sostegno del governatore leghista uscente Luca Zaia; in Umbria sosteranno Claudio Ricci, sindaco di Assisi in carica dal 2011 alla testa di una lista civica unitaria già allora sostenuta da centrodestra e Lega; in Liguria saranno alleate a sostegno del consigliere politico di Fi Giovanni Toti.
Certo non senza malumori, da entrambe le parti: se dentro Forza Italia continuano a volare gli stracci, anche tra le file dei leghisti il malumore per l'accordo con gli azzurri è evidente. L'impasse era proprio nella decisione di cambiare cavallo in corsa in Liguria dove il vicesegretario dei lumbard Edoardo Rixi deve cedere il posto a Toti. Una decisione che Salvini ha motivato come un "sacrificio" per la vittoria.

Un sacrificio necessario - "Forza Italia la pensa così", ha spiegato il leader del Carroccio alla base tramite Radio Padiana, "siccome la Lega ha espresso il candidato in Veneto, ha mantenuto i suoi candidati in Toscana e ha scelto il candidato Umbria, Fi ha detto: ’Fateci giocare la partita in Liguria col nostro candidato di punta'. Chiaro che per me Rixi", il candidato padano, "veniva prima, ma non posso sempre ottenere il 100%. Il mio compito di segretario ha onori e oneri". Con Rixi, ha rivelato Salvini, "sono stato fino a ieri sera, sarò stamattina con lui tra gli operai di Fincantieri. Tutti avremmo preferito in corsa il nostro candidato. Abbiamo fatto un sacrificio, tenendo sempre fuori Alfano, per tentare il colpaccio perché lì con la sinistra è dura" e "l’accordo con Fi era necessario".

Maldipancia - Parole che però non sono bastate. Sui social, Facebook e Twitter, si è sfogato chi non ha digerito la scelta di sacrificare un suo candidato per correre con quello di Forza Italia. Tra gli scontenti, ci sono soprattutto i sostenitori di quello che era il candidato per la Liguria della Lega, Edoardo Rixi, ma anche leghisti che con la vicenda ligure non c’entrano da vicino. Alcuni definiscono l’accordo con Forza Italia il bacio della morte, altri semplicemente affermano che non voteranno mai per uno come Toti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fossog

    04 Aprile 2015 - 16:04

    DA UN Pò SALVINI COLLEZIONA ERRORI. A parte TOSI, ora chiede ai liguri, leghisti o no, di votare un NULLA come Toti ? un pervenù che le notizie le ha sempre riportate a pappagallo Ma non ne ha Mai Create con le sue capacità. Uno che nella Gestione e Organizzazione non ha nè arte nè parte. E cosa dire di berlusconi talmente rincretinito da ''Proporlo'', Toti. Non lo dico per antipatia personale

    Report

    Rispondi

  • aranciacasa

    aranciacasa

    03 Aprile 2015 - 08:08

    Non so se sia più imbarazzante Salvini che accetta il nulla cosmico Toti o B. che candida per F.I. un personaggio del genere. Ma davvero in F.I. non c'è niente di meglio? Possibile?

    Report

    Rispondi

  • kontros

    02 Aprile 2015 - 18:06

    Quest'ultimo accordo e' il coronamento della politica degli inciuci.....Salvini che pur di vincere venderebbe - come in effetti ha fatto - l'anima al diavolo, Berlusca che pur di non perdere quel poco che gli resta fa accordi con estremist xenofobi e populisti dell'ultima ora.....popolo della Lega e di Farsa Italia dite BASTAAAA......o sarete travolti nella merda con i suddetti pseudo leadership.

    Report

    Rispondi

  • civimar

    02 Aprile 2015 - 18:06

    Alla fine Berlusconi batte Salvini 2 a 0. Sbatte Toti nell'arena così quando lo trombano lo può far fuori senza problemi e mettere qualcun'altro più valido. Nel frattempo argina la disfatta in Veneto. Salvini butta via Rixi, si rimangia tutti i "mai più con Berlusconi", si mette contro la base; tutto questo per quattro voti. Il vecchio catramato ha messo nel sacco il troglodita felpato. Chapeau!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog