Cerca

Come cambia Viale Mazzini

Riforma Rai, il decreto legge del governo Renzi: i poteri dell'ad e il canone pagato con il cellulare

Riforma Rai, il decreto legge del governo Renzi: i poteri dell'ad e il canone pagato con il cellulare

Da uomo forte a uomo forte, Matteo Renzi vuole un capo di azienda vero alla guida della Rai. Una persona sola che prenda le decisioni, certo consultando il Consiglio di amministrazione, ma con strumenti nelle mani inediti finora al settimo piano di viale Mazzini. I dettagli della riforma Rai sono tutti concentrati nei sei articoli del decreto legge renziano. Partono da nuove modalità di nomina dei consiglieri di amministrazione fino ad aprire scenari su che fine farà l'odiato canone.

La riforma - A capo della Rai non ci sarà più un direttore generale, ma un amministratore delegato. Questo potrà proporre anche la revoca di uno o più membri del Cda, passando per l'Assemblea dei soci - con il ministero del Tesoro che mantiene il 99,56% delle azioni - e incassando la valutazione favorevole della Commissione di vigilanza parlamentare. Come anticipato nei giorni scorsi, il Cda sarà composto da sette consiglieri: quattro eletti dalla Camera, due dal Senato (ma avranno voto limitato), due dal Governo e uno dall'Assemblea dei dipendenti Rai. Il Cda dovrà approvare il piano industriale, quello editoriale e tutti gli acquisti superiori ai 10 milioni di euro.

Il capo - L'amministratore delegato è eletto dal Cda su indicazione del Governo. A lui spetta il compito di nominare i direttori dei Tg, i direttori di rete e tutti i dirigenti di primo e secondo livello. Può consultare i membri del Cda sulle nomine, ma non è costretto a farlo. Il suo tetto di spesa sale a 10 milioni di euro. Un acquisto di un centesimo di più richiederebbe una gara d'appalto comunitaria, burocrazia, tempi lunghi... Sotto i 10 milioni invece l'Ad può fare quel che gli pare, affidare incarichi, appalti, servizi in base ovviamente alla convenienza per l'azienda. Rimane in carica tre anni e se venisse revocato, dovrà percepire solo tre mensilità come buonuscita.

Canone - Renzi è consapevole della impopolarità del canone Rai. Da tempo studia il modo per farlo sparire, ma senza coperture adeguate il rischio è solo quello di lasciare un gran bel buco nel bilancio dello Stato. Il decreto legge sulla Rai prevede già che entro un anno dall'entrata in vigore, dovrà cambiare la modalità di riscossione del balzello. L'idea mai del tutto smentita è quella di camuffare il canone all'interno della bolletta elettrica. L'idea è che basta un dispositivo connesso a internet o al digitale terrestre per renderlo tassato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    31 Luglio 2015 - 14:02

    Fino ad oggi abbiamo dovuto sopportare una RAI pietosa, da oggi sarà veramente una "merda di Stato".

    Report

    Rispondi

  • arcarifulvio

    07 Aprile 2015 - 01:01

    per i bei programmi che fa la Rai,fiction idiote inclure,meglio EVADERE questa tassa,anzi imposizione

    Report

    Rispondi

  • gianbus52

    06 Aprile 2015 - 16:04

    Spegnere la rai sono canali costosi che non servono a niente

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    06 Aprile 2015 - 11:11

    Gli infami non si smentiscono mai. Sei un dittatore comunista che se ne sbatte le balle della volontà del Popolo. Abbi almeno per una volta il coraggio delle Tue azioni. Chiudi quel maledetto carrozzone che rappresenta solo uno spreco di soldi pubblici per rimpinguare i boiardi di Stato e gli amici degli amici. Ma tant'è. Tu, compagno, rappresenti solo il ladrocinio legalizzato. Complimenti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog